novofil_foto_fidelfatti

NAPOLI – Si chiude con la medaglia di bronzo  il campionato mondiale di Class V1 di Chioggia per il team Novofil Rg87. Anche oggi, nella terza e ultima prova del programma, Antonio e Giuseppe Schiano, supportati da terra dal terzo pilota, Rosario Schiano, hanno concluso la gara al terzo posto, confermando la terza posizione nella classifica generale e conquistando, così, il bronzo iridato. Un fine settimana difficile per l’equipaggio partenopeo del Circolo Canottieri Napoli, che ha dovuto fare i conti con alcuni problemi elettronici allo scafo, che non hanno però impedito al team di portare a termine le tre prove riuscendo a conquistare una medaglia prestigiosa, alle spalle del pluricampione del mondo, il maltese Chaudron, e dell’altro team italiano Tommy One.

“Abbiamo incontrato anche oggi mare formato al largo e nonostante i problemi siamo riusciti a chiudere anche questa gara sul podio conquistando un bronzo che ci rende orgogliosi” ha spiegato a fine gara Giuseppe Schiano, al timone di Novofil nelle ultime due prove. “Sono soddisfatto per il risultato – ha aggiunto Antonio Schiano, che ha tenuto le manette in tutte le gare del Gran Prix di Chioggia -. Giuseppe si è confermato ai massimi livelli e Rosario, nella prima gara, è stato una piacevole sorpresa, anche se ero certo che sarebbe stato all’altezza della situazione. Grazie al lavoro di Hi-Performance Italia, con i tecnici Vincenzo Alessio e Vincenzo Guidone, siamo riusciti a salire tre volte sul podio nonostante tante difficoltà”.

L’uomo nuovo di questo mondiale è stato Rosario Schiano, che nella prima prova di giovedì ha sfiorato il secondo posto, portando a casa il primo podio iridato all’esordio: “Siamo stati sfortunati perché eravamo riusciti a tenere testa a un campione assoluto come Aaron Chantar su Chaudron per quasi tutta la gara e siamo stati frenati da un banale inconveniente tecnico che ci ha fatto perdere una posizione – ha spiegato il più giovane degli Schiano -. Mi sono comunque divertito molto, ho voglia di crescere ancora e provare già il prossimo anno a migliorare questo piazzamento”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments