17343050

NAPOLI– Sui Campionati Italiani di Duathlon a Riccione brilla la nuova stella Acquachiara Jaked. C’era grande attesa per il debutto nazionale della squadra di Chiara e Franco Porzio, dopo il successo ai Regionali di Capaccio. Ebbene Acquachiara non ha tradito le aspettative, vincendo una medaglia di bronzo con Carmen Alabrese tra le S4 e con tanti piazzamenti nella gara dominata dai Carabinieri De Ponti e Hofer, con un campo partenti straordinario tra i 700 partecipanti totali.

Oltre agli Individuali del sabato, Acquachiara aveva riposto massima attenzione sulle gare a squadre della domenica, in particolare sulla TTT maschile, con circa 100 squadre partenti.Pur dovendo rinunciare ad Alessandro D’ambrosio e Mimmo Ricatti, Acq Jkd ha schierato un’ottima formazione composta dagli under 23 Andrea Borsacchi e Paolo Pettorusso, assieme ai più esperti Carmine Rozza, Paolo Russo e Giovanni Pisano, a completare il quintetto.La squadra ha chiuso la prova in 1h00’04” al quarto posto assoluto, sfiorando il podio per soli 49”, impresa comunque mai riuscita ad una nuova società. Meglio dei napoletani hanno fatto Freezone Bergamo con 58’00, Cus Parma 58’24, Hurricane Pescara 59’15, mentre subito dietro è arrivata quinta l’ottima formazione del Cus Torino in 1h00’19”.Certo resta il rammarico per la medaglia sfiorata ma nulla può dirsi ai ragazzi che hanno disputato una gara quasi commovente per l’impegno sul percorso composto da 5km corsa, 20 km bike e 2.5 km corsa, risultando la migliore squadra nelle 2 transizioni e prima formazione del sud Italia.Anche la squadra mixed realy 2D+2U con Carmen Alabrese, Bernando Murolo, Chiara Lombardi e Rodolfo Fimiani è entrata nella top 30, disputando una gara sopra le attese, vista la giovane età dei ragazzi. A tal proposito va ricordata la partecipazione del millennian Alessandro Caputo, classe 2001, uno dei più giovani tra i 500 partecipanti agli Assoluti maschili.”L’apertura della sezione Triathlon in casa Acquachiara rappresenta un ulteriore valore aggiunto alle tante attività sportive che, quotidianamente, svolgiamo nei nostri impianti – spiega il patron Porzio – Ero certo che avremmo potuto metterci in vetrina già dalle prime uscite vista la professionalità del nostro Staff tecnico e la qualità degli atleti. Questo vuole essere, per noi, solo l’inizio di una serie di successi e traguardi che possano proiettare la nostra società verso l’Olimpo mondiale di questo sport”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments