locandinaprogettoveritas

NAPOLI – Una rosa di giocatori eccezionali scenderà in campo per la Terra dei Fuochi e per il Progetto Veritas: ex giocatori del Napoli, tra i quali Gianni Improta, Beppe Bruscolotti, Stefan Schwoch, Bruno Giordano e Pino Taglialatela, insieme alla Afro Napoli United, alla Puteolana Calcio, alla Cavese Calcio, alla Gragnano Calcio e al Posillipo Calcio, si sfideranno per sostenere l’iniziativa. 

 

 L’appuntamento è per sabato 16 dicembre 2017 alle 16 al Campo Sportivo Denza dove, grazie a Daniela Rocco, con il patrocinio della Fondazione Cannavaro-Ferrara e la partecipazione di Patrizio Oliva, si assisterà a un evento in cui, con grande generosità, tante personalità metteranno a disposizione il loro talento e il loro tempo per il più grande progetto scientifico dal basso nella Terra dei Fuochi. 

 A promuovere l’iniziativa, ma soprattutto ad aver gettato le basi di un processo scientifico-sanitario partecipato, è la Rete di Cittadinanza e Comunità, una federazione di trenta associazioni originariamente costituita nella Terra dei Fuochi, ma che abbraccia territori e persone anche geograficamente distanti. La Rete propone, grazie alla presenza di un team di tecnici ad hoc, praticabili vie d’uscita dall’impasse amministrativo campano sul tema ambiente, contrasta con forza quella parte delle istituzioni che non intende ascoltare la voce dei cittadini e fra questi lavora su progetti di partenariato sociale nelle scuole per costruire le città del futuro.

 Al centro di questo ritrovato percorso di crescita comunitaria c’è la salvaguardia della salute: test tossicologici su persone affette da gravi patologie nella Terra dei Fuochi verranno effettuati da un team di medici eccezionali per comprendere quale sia la portata dell’esposizione all’inquinamento ambientale. E’ questo il focus principale dello studio di biomonitoraggio che il Prof. Antonio Giordano, direttore dello Sbarro Health Research Organization di Philadelphia e oncologo campano di fama internazionale, condurrà sulla base dei test. I costi da sostenere sono esclusivamente quelli di laboratorio perché tutto il resto (studio scientifico, selezione, progettazione) sono solo amore, sono tutti gratuiti.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments