“Evidente errore dell’arbitro” delegazione di Capri dell’Unione Nazionale Consumatori chiede ripetizione di Uc Givova Capri Anacapri – San Vito Positano (VIDEO)

0

CAPRI – La delegazione dell’Isola di Capri dell’Unione Nazionale Consumatori chiede la ripetizione della gara Uc Givova Capri Anacapri – San Vito Positano, valida per il campionato di calcio di Promozione, girone D, sospesa lo scorso sabato 22 gennaio al 30’ della ripresa “per un palese ed evidente errore dell’arbitro”. Una richiesta ufficiale in tal senso verrà avanzata al Comitato Regionale Campania della Figc – Lnd e agli organi della giustizia sportiva da parte dell’associazione, che si riserva fin da ora tutte le azioni in ogni sede, a tutela dei tantissimi tifosi isolani che non hanno potuto assistere all’intero match e del sodalizio caprese vittima di un’ingiustificata decisione.

L’avv. Teodorico Boniello, delegato dell’UNC per l’isola di Capri, dopo aver analizzato i filmati video della gara che qui alleghiamo, unitamente ad alcuni esperti del campo, e aver raccolto numerose testimonianze da parte dei presenti sulle tribune dello stadio Germano Bladier, arrivate in sede, non ha alcun dubbio: “L’arbitro Crispino della sezione di Frattamaggiore ha sospeso l’incontro decretando anzitempo, con il triplice fischio, la fine della gara in aperta violazione del regolamento. Nessuna aggressione è avvenuta nei suoi confronti, come si può vedere dalle immagini, dalle quali emergono soltanto momenti concitati e vibrate proteste di alcuni giocatori della squadra locale a seguito di un’espulsione. Nulla più e nulla meno di quel che accade su tutti i campi di calcio ogni settimana. I tifosi, tra l’altro, sono rimasti tutti al loro posto. Bastava far calmare gli animi in campo, senza fuggire verso gli spogliatoi e non privare, immotivatamente, il pubblico presente dell’intero pomeriggio di sport. Se un calciatore ha inveito contro l’arbitro si espelle ed allontana il calciatore ma non va sospesa la gara”

“Né può ritenersi – prosegue il delegato dell’associazione di tutela dei consumatori – che l’incolumità del direttore di gara, come ci è stato raccontato dai presenti, fosse mai stata in pericolo, anche per la presenza a bordo campo, fin dall’inizio dell’incontro, della Polizia di Stato, con personale sia in divisa che in borghese, peraltro prontamente intervenuto a seguito della sua richiesta. Anche l’uscita dallo stadio dell’arbitro, come si evince dai video diffusi in rete, è avvenuta nel massimo della sicurezza senza intemperanze o disordini di alcun tipo da parte del pubblico caprese, amareggiato e deluso per quanto accaduto ma civilissimo e correttissimo”.

“Un errore dell’arbitro, tecnico e di valutazione, quindi, che va sanato, disponendo – è questa la richiesta dell’Unione Nazionale Consumatori – la ripetizione della gara se non si vuole falsare il campionato”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments