Il “derby dei vulcani” alla Lollo Caffè

0

NAPOLI – Le premesse per una grande gara c’erano tutte ed il Napoli non ha deluso le attese.

Il Lollo Caffè fa gioire, soffrire, emozionare ma sa vincere. Continua a vincere e ad accendere il cuore dei propri supporters. Il calore del tifo azzurro si è fatto sentire al Palazzetto di Villaricca ed ha spinto gli uomini di Marìn verso la vittoria. I partenopei entrano in campo con una maglia per augurare una rapida guarigione al compagno di squadra Wilhelm operatosi qualche giorno fa al ginocchio.

La Meta Catania è squadra tenace che non molla un centimetro ma i padroni di casa dettano subito legge con un Salas in grande spolvero. Al minuto 4’02” arriva puntuale il vantaggio dei partenopei proprio con il Cholo super scatenato. Molitierno fa buona guardia ma al 7’37” Tres realizza dal dischetto il pari dopo un fallo in area di De Luca.

Il match è molto combattuto e i falli non si risparmiano. Salas serve su un piatto d’argento un perfetto assist per Dimas che deve solo correggerla dentro: è 2-1. Il Napoli ha l’occasione per aumentare il vantaggio: il Catania fa il sesto fallo. Tiro libero per gli azzurri, Perez para su Jesulito. Nulla da fare. Ma dopo poco si ripresenta un’altra occasione. Altro tiro libero. Questa volta tocca a Duarte che non fallisce. Al minuto 15’08” è 3-1.

Nella ripresa il registro non cambia con il Catania che si fa sotto per ridurre le distanze. Tres mette sotto pressione Molitierno che si fa trovare pronto.

Arriva la gioia del gol anche per Mancha al minuto 4’30” è 4-1. Il vantaggio è largo ma la partita non è ancora al sicuro! La Meta non è mai arrendevole e ci vuole un Molitierno monumentale a dire di no di piede a Constantino. I siciliani le provano tutte e Samperi inserisce il portiere di movimento (Musumeci). E’ ancora Mancha a creare il panico nell’area avversaria ma questa volta senza fortuna.

Ha del clamoroso il doppio, anzi triplo palo in appena due secondi. Il Catania si salva e si lancia in una disperata impresa. Prima Dalcin e poi Amoedo, complici anche le disattenzioni azzurre, accorciano le distanze.

Gli ultimi due minuti di gioco sono una vera e proprio sofferenza. A 55 secondi dalla fine, arriva quel sospirato grido liberatorio che sa di vittoria, grazie a Salas, che regala al suo popolo il quinto gol, la sua seconda meraviglia della serata. Gara 1 è del Napoli. Sabato ci sarà ancora da combattere a Catania per gara 2 e gli uomini di Marìn sperano di chiudere i conti in terra siciliana.

Francesco Molitierno: “Giocando in casa la prima gara dovevamo assolutamente vincerla. Sarà una battaglia a Catania ma dobbiamo pensare che abbiamo la possibilità di chiudere lì il discorso quarti”.

David Marìn: “Potevamo soffrire di meno e chiudere la gara prima ma forse così ha più gusto. In linea generale abbiamo giocato una buona partita ma ci manca ancora la tranquillità giusta per gestire il vantaggio“.

Salvatore Samperi: “Ci stavamo credendo negli ultimi minuti della gara. Il Napoli ha meritato la vittoria. Il nostro approccio non è stato dei migliori ma abbiamo provato a recuperare. E’ stata una bellissima gara. Noi siamo al primo anno in serie A e certi errori d’inesperienza ci possono stare”.

Lollo Caffè Napoli – Meta Catania 5-3 (3-1 pt)

Lollo Caffè Napoli: Molitierno, Mennella, Bellobuono, G. Moccia, Chano, De Luca (K), Duarte, Jesulito, Salas, Rubio, Orefice, Dimas, Cesaroni, Mancha. All. Marìn

Meta Catania: Perez, Messina, Silvestri, Spampinato, Ernani, Tomarchio, Constantino, Tres, Maccarone, Amoedo, Musumeci (K), Dalcin, Espindola, Dovara. All. Samperi.

Marcatori: 4’02” Salas, 7’37” Tres, 9’01” Dimas, 15’09” Duarte, st 4’30” Mancha, 12’45” Dalcin, 15’31” Amoedo, 19’05” Salas.

Ammoniti: De Luca, Rubio, Salas, Mancha, Chano, Dalcin, Spampinato,

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami