acquisto-auto-104

NAPOLI – Prosegue il trend positivo del mercato automobilistico a Napoli e in Campania. Anche il 2016, infatti, si chiuso con una crescita dei comparti del nuovo e dell’usato.

L’unica nota stonata riguarda le rottamazioni che, invece, sono diminuite in confronto all’anno precedente: un dato in controtendenza rispetto all’andamento nazionale.Secondo i dati del Pubblico Registro Automobilistico dell’ACI, nel 2016 sono state iscritte al PRA di Napoli 32.609 nuove autovetture con un aumento del 12,4%, rispetto all’anno precedente. Positivo è stato anche l’andamento regionale: 67.716 nuove iscrizioni pari ad un incremento del 12,9 per cento.In rialzo, seppure in misura minore, è pure il dato relativo alla compravendita di vetture usate. A Napoli, le auto che, lo scorso anno, hanno cambiato proprietario, al netto delle minivolture (ovvero i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), sono state 131.356, equivalenti ad un aumento del 4,2% in confronto al 2015. Del 4,9% è stata, invece, la crescita dei passaggi di proprietà in Campania, ammontanti, complessivamente, a 259.207 formalità registrate al PRA.In diminuzione, invece, è stato l’andamento relativo alle auto radiate dal Pubblico Registro dell’ACI. Ne sono state tolte dalla circolazione 47.563 a Napoli (-6,8% rispetto all’anno precedente) e 97.897 in Campania (-3,6%). In pratica, il tasso unitario di sostituzione è stato di 1,46 a Napoli e di 1,45 in Campania. Ciò significa che per ogni 100 vetture nuove ne sono state cancellate, rispettivamente, 146 a Napoli e 145 nell’intera regione.”Continua il processo di rinnovamento del parco circolante automobilistico nel nostro territorio, commenta il Presidente dell’Automobile Club Napoli, Antonio Coppola. Tuttavia, la crescita del mercato non si traduce in un aumento delle auto in circolazione, in quanto, contrariamente a quanto avviene nel resto del Paese, il numero delle rottamazioni è maggiore delle nuove immatricolazioni. Quindi, auto più sicure e meno inquinanti”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments