Rari_Nantes_partita

NAPOLI– Ancora una sconfitta condita da grandi recriminazioni per la Cargomar Rari Nantes Napoli. La formazione partenopea si arrende 7-8 all’Acicastello, che grazie ai tre punti conquistati può festeggiare l’aritmetica salvezza con quattro gare d’anticipo. La Rari, invece, molto probabilmente la permanenza in B dovrà guadagnarsela ai playout.

Come all’andata, Elios Marsili è squalificato e deve assistere alla partita da una tribuna della Scandone. Nel primo tempo il tecnico napoletano ammira una Cargomar arrembante, che grazie alle reti di Truppa, Di Iorio e Nina si porta in vantaggio sul 3-1. Dal secondo parziale, però, la musica cambia. L’arbitro De Girolamo comincia a fischiare a senso unico e l’attacco dei napoletani s’inceppa. Acicastello si porta in parità con due reti in superiorità dei fratelli Ferlito, poi nel terzo tempo si porta addirittura in vantaggio grazie ai gol di Forzese ed Arena. Di Iorio riaccende le speranze per la Rari, ma una decisione discutibile del direttore di gara, che ferma un’azione partenopea per una presunta simulazione consento a Cardinale di realizzare indisturbato a tu per tu con Vassallo, consente ai siciliani di riportarsi a +2. Il quarto periodo si apre con un altro gol di Forzese, con palla che forse non ha superato la linea di porta, poi Paternò para un rigore a Di Ioro. Finita? Neanche per sogno. La Cargomar non molla, torna a -1 con i gol con l’uomo in più di Cantarelli e Caria, subisce il gol del 6-8 ad opera di Marco Ferlito – ancora in superiorità – prima che Casieri realizzi la rete del 7-8. I napoletani hanno anche un’ultima chance con l’uomo in più per pareggiare, ma la sprecano malamente. Vince Acicastello e per la Rari Nantes è un ko pesante.“Quest’anno con le catanesi non riusciamo a fare un punto, strano”, sottolinea con ironia Marsili. “Dobbiamo guardare in faccia la realtà, dovremo giocarci la salvezza ai playout. Le gare che mancano alla conclusione della regular season saranno delle tappe di avvicinamento agli spareggi. Si vede che quest’anno deve andare così, anche perché all’ultima c’è un Etna-Acicastello che potrebbe in ogni caso garantire ai nostri avversari i tre punti decisivi per la permanenza. Se mai dovessero averne bisogno. Strano che proprio all’ultima giornata si incontrino le due catanesi: c’era una possibilità su nove perché ciò accadesse e stranamente si è verificata”. Anche contro Acicastello la Cargomar non ha demeritato: “La svolta della gara l’ha data quel controfallo per simulazione che di fatto ha regalato ai nostri avversari il +2. Eravamo pronti alla controfuga del possibile pareggio, ci siamo ritrovati di due gol sotto. Nonostante tutto ce la siamo giocata fino alla fine, potevamo anche raddrizzarla. Come all’andata, abbiamo perso di un gol, una sconfitta che brucia”.La Cargomar Rari Nantes tornerà in vasca sabato prossimo con la trasferta di Cosenza, quartultimo atto della regular season.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments