Sigel_Marsala_in_campo_ad_Arzano_2

ARZANO – La Luvo Barattoli Arzano trionfa nel big match con la capolista Sigel Marsala. La squadra di Caliendo annienta la dominatrice del campionato e si riprende il ruolo di protagonista della stagione. Una gara dominata dalle padrone di casa guidate dall’ottima vena di Luciana Lauro, migliore realizzatrice con 14 punti all’attivo:

“Luciana Lauro: Una vittoria netta. Era dalla gara di andata che aspettavamo questo momento e la grande soddisfazione è che sia arrivata adesso, in concomitanza con l’inizio dell’ultima fase della stagione regolare. In questa gara siamo riuscite a dare il massimo e adesso non ci resta che affrontare l’ultima parte del campionato spendendo tutte le energie per centrare i playoff”.Dal fischio d’inizio la Sigel comincia a subire un vero e proprio assalto da parte delle padrone di casa, intenzionate a fare bella figura al cospetto del solito, numeroso, pubblico di casa. Del resto la sconfitta subita nella gara di andata, alla quale si era presentata da capolista, è coincisa con una serie di cadute esterne che ne ha pregiudicato la posizione di classifica.Coach Ciccio Campisi ferma il gioco già sul 4-0. Il set prosegue equilibrato, nella parte centrale Biccheri (5 punti nel primo set) e Panucci (5) cominciano a fare i conti con la buona vena in difesa delle arzanesi. Recuperi spettacolari anche del libero Doroty Rinaldi che aiuta la sua squadra a prendere il largo (16-10).Cresce la Sigel e riaccende un set che sembrava finito (23-21). Questa volta è il tecnico di casa Nello Caliendo a bloccare il tempo. Panucci riporta Marsala ad un punto mentre Lauro (8 punti) conquista la prima palla set per la Luvo Barattoli. Due errori in battuta di Maresca e Mordecchi chiudono il set 25-23.Per la Sigel Marsala è uno choc. Il secondo set vede in campo una sola squadra, l’Arzano, che domina fino al time out tecnico: 8-1. La reazione arriva grazie anche alla ricezione arzanese non proprio impeccabile. La forbice è comunque ampia e la risalita è ardua (16-8). L’insistenza del team di casa non trova grandi opposizioni dall’altro lato della rete. Sul 21-8 Macedo lascia il posto a Salzano, è l’ultima nota del parziale. Chiude un colpo di Campolo spedito fuori dal muro 25-11.
Il destino del match è segnato, non a caso l’avvio della terza frazione è praticamente identico: 8-2. All’Arzano non resta che amministrare e prendersi la soddisfazione di aver fermato la capolista: Un fallo su giocata di Vinaccia chiude l’incontro: 25-17. Uno stop che non comporta nessuna ripercussione in classifica ma che sorprende per la maniera netta nel quale è maturato.
 Molto lucida l’analisi del coach siciliano Campisi a fine match: “Hanno cominciato subito a metterci in difficoltà senza darci la possibilità di reagire. A volte nella pallavolo femminile capitano serate così. Adesso ci dobbiamo riprendere e pensare alla Coppa Italia”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments