cantiere1

SAN GIORGIO A CREMANO- “Nonostante il lavoro continuo degli operai, a causa del maltempo di questi giorni e, soprattutto, per l’inciviltà di chi addirittura arriva a rimuovere le recinzioni per percorrere comunque la strada c’è il rischio concreto che non si possa rispettare l’impegno preso per la riapertura entro la fine del mese”.

A lanciare l’allarme sulla data di riapertura di corso San Giovanni, strada fondamentale per i collegamenti tra Napoli e i paesi vesuviani, a cominciare da Portici e San Giorgio a cremano, è il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che, sin dai primi giorni dopo la chiusura, dovuta a un cedimento nel sottosuolo, sta seguendo i lavori passo dopo passo per verificare che siano rispettati i tempi previsti.

“Ancora una volta dobbiamo scontrarci con l’inciviltà e l’illegalità di chi, stanotte, ha rimosso le recinzioni, sfondandole in alcuni casi, e danneggiando sia il massetto di cemento che era stato realizzato sia i sampietrini che erano stati già posizionati sulla carreggiata”ha aggiunto Borrelli sottolineando che “continua anche la fiera dell’inciviltà di quelli che attraversano i passaggi pedonali a bordo degli scooter rendendo difficile la circolazione dei pedoni sui marciapiedi lasciati liberi dal cantiere al punto che è stato necessario l’intervento della polizia municipale per regolare il tutto”.

VIDEO

https://www.facebook.com/francesco.e.borrelli/videos/vb.1590184396/10213681376620597/?type=2&video_source=user_video_tab

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments