SAN GIORGIO A CREMANO – Altri due casi di Covid, variante inglese in una scuola di San Giorgio a Cremano. A dare la notizia su Facebook il sindaco Giorgio Zinno.

I due casi si sono registrati nella scuola Plesso Marconi.

“Cari concittadini, nonostante rispetto alla settimana scorsa il numeri di positivi diminuisca(ad oggi 212), nelle ultime ore purtroppo stiamo assistendo ad un aumento dei concittadini positivi alla variante inglese.

Nella giornata di oggi abbiamo registrato altri due casi in altrettanti istituti scolastici. Si tratta di un secondo positivo nell’Istituto Don Milani e di uno nel plesso Marconi.
Dalla relazione sul tracciamento dei contatti ricevuta dalla dirigente scolastica, Antonietta Maiello, è emersa l’esigenza di provvedere alla chiusura precauzionale anche di questo plesso e allo screening dei contatti con il caso individuato.

Nella giornata di domani mi incontrerò in conferenza video con i componenti del Centro Operativo Comunale per valutare possibili ulteriori nuovi provvedimenti a tutela della platea scolastica e della cittadinanza.

In soli due giorni i positivi alla variante inglese hanno toccato quota 21 a San Giorgio a Cremano, una situazione da attenzionare soprattutto alla luce dei nuovi criteri di contenimenti imposti dal Ministero della Salute.

E’ doveroso precisare che, nonostante i numeri in città non siano preoccupanti sul totale dei positivi (ad oggi 212), i provvedimenti si sono resi necessari per arginare la maggiore facilità di contagio che sembrerebbe caratterizzare questa variante del COVID-19.

Come precisato nei precedenti comunicati, anche i protocolli sanitari relativi alla variante inglese, inducono ad una maggiore attenzione, considerato che il tracciamento prevede l’indagine retroattiva di 14 giorni per coloro che sono venuti a contatto nel raggio di 2 metri (anche indossando la mascherina) con il caso indice e il conseguente tampone immediato per gli stessi. Il periodo di quarantena fiduciaria si allunga inoltre da 10 a 14 giorni.

Ovviamente la situazione generale induce ad una riflessione su eventuali restrizioni che non riguardano solo il mondo della scuola, al fine di contrastare la diffusione del contagio da Covid-19.

Il C.O.C, convocato in seduta permanente dal 23 febbraio del 2020 si è riunito oggi e domani analizzerà i nuovi dati alla luce delle nuove regole e avrà il compito di valutare le potenziali criticità sul nostro territorio e l’adozione di eventuali correttivi da apportare alle misure di contenimento già in vigore.

La variante inglese è molto contagiosa. Per questo faccio ancora una volta appello al senso di responsabilità di tutti.

Se ci comporteremo con leggerezza, rischieremo di vanificare tutti gli sforzi fatti finora. Siamo una grande comunità. Dimostriamolo ancor una volta”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments