I-botti-illegali-sequestrati

NAPOLI – Oltre 52 tonnellate di botti illegali sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza tra Napoli e Caserta.

A Teano sono state trovate, in un’ azienda che importa fuochi d’ artificio, 30 tonnellate di botti contenenti oltre 4 tonnellate di esplosivo, per un valore di mercato di oltre mezzo milione. I militari hanno intercettato un camion di un’ impresa autorizzata,che aveva immagazzinato fuochi oltre i limiti previsti dalla licenza.

L’ amministratore è stato denunciato. A Marcianise la Gdf ha bloccato un carico di oltre 75 mila botti pericolosi, per oltre 7 tonnellate.

Il materiale, stava per essere spedito in Germania in scatoloni privi di indicazioni sulla pericolosità. Nel quartiere Pianura, a Napoli, i finanzieri hanno sequestrato 3 tonnellate di fuochi artificiali, 5 kg di polvere e 20 di zolfo. Il titolare è stato arrestato. A Castello di Cisterna, sequestrati 80 chili di botti illegali in un’abitazione. Denunciati un italiano e due cinesi.

Sequestri anche a Nola e Casalnuovo. Quattro denunciati.

Ha improvvisato una bancarella ed esposto decine di ordigni esplosivi artigianali. E’ così finito in manette Tommaso Coppola, 29enne di Casalnuovo già noto alle ffoo. I Carabinieri della locale tenenza l’hanno notato in Via Monsignor Peluso mentre vendeva senza alcun titolo botti illegali. Quando hanno perquisito la sua autovettura i militari hanno rinvenuto e sequestrato 6526 artifizi pirotecnici e 120 ordigni non convenzionali dall’alto potenziale esplosivo.

Arrestato, Coppola trascorrerà il capodanno ai domiciliari in attesa del giudizio con rito direttissimo.

Carabinieri arrestano un 23enne. In casa 87 petardi artigianali 87 petardi fabbricati artigianalmente e 12 chili di botti destinati alla Mvendita senza autorizzazione. Questo il bilancio del sequestro effettuato pochi minuti fa dai carabinieri della Stazione di Gragnano.

L’uomo che li deteneva nella sua abitazione, un 23enne incensurato, è stato arrestato e sanzionato amministrativamente per 5000 euro

Il giovane è ora ai domiciliari in attesa di giudizio.

Sono invece 45 i chili di botti sequestrati tra le strade di Castellammare di Stabia poiché venduti senza alcuna autorizzazione. I venditori sono stati sanzionati per complessivi 10mila euro.

I carabinieri della stazione di S.Anastasia, nell’ambito dei controlli disposti dal comando provinciale di napoli, hanno rinvenuto 79 ordigni esplosivi per un peso pari a quasi 45 chili di botti illegali nascosti all’interno di un’autovettura in stato di abbandono parcheggiata in via Capodivilla. I botti illegali sono stati sequestrati. (ANSA)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments