movida-roma

NAPOLI – Nell’ambito dei controlli disposti dal Comando della Polizia Locale di Napoli, gli agenti appartenenti alla U.O. Tutela Ambientale nell’ultimo weekend hanno svolto un’attività finalizzata al contrasto del conferimento irregolare dei rifiuti solidi urbani e abbandono di amianto.

I controlli hanno interessato tutta la città dalle periferie orientale e settentrionale passando per il centro e la zona collinare fino a giungere alla periferia occidentale. Sottoposti a verifica numerose attività commerciali e utenze domestiche. Nello specifico le principali arterie interessate: via Carlo di Tocco, via Porzio al Centro Direzionale, via Bartolo Longo, via Miranda, via Roma verso Scampia, asse perimetrale Scampia, viale della Resistenza, Calata San Marco, via Foria, Piazza Bovio, via Monteoliveto, via Chiaia, via Francesco Girardi, Piazza Leonardo, via Simone Martini, via Pietro Castellino, via Pasquale Scura e via Montagna Spaccata.

Sanzioni sono state irrogate a utenze domestiche e commerciali per il conferimento irregolare dei rifiuti, per le modalità di differenziazione e per l’uso dei sacchi in plastica neri ormai banditi nel il conferimento dei rifiuti dalla ordinanza comunale di agosto. In un caso è stato contestato il divieto di incendio di sterpaglie per il rispetto dell’Ordinanza Sindacale.

Ciascun illecito è stato sanzionato con la multa pari a € 500,00 per il conferimento regolare e con ulteriori € 50,00 per l’uso dei sacchi neri. In totale multe per il conferimento irregolare per un ammontare pari a circa € 15000,00.

Parimenti gli agenti appartenenti alla U.O. Chiaia hanno svolto dei servizi mirati a seguito segnalazioni con appostamenti in abiti civili nella zona di Mergellina, Largo Sermoneta e zona Torretta. Un laboratorio di una famosa pasticceria in via Mergellina è stato multato per mancata differenziata e per l’uso dei sacchi neri ormai vietati con un importo di € 550,00. Anche in via Caracciolo un’attività di ristorazione è stata multata per mancato rispetto della differenziata avendo rinvenuto plastica nel cassonetto dell’umido. Due ristoranti sulla collina di Posillipo sono stati multati per mancato rispetto della differenziata ed uno dei due anche per non osservanza del divieto di fumo. Tre cittadini sono stati sorpresi e multati con un importo di € 50,00 in via Giordano Bruno a depositare i rifiuti fuori orario ed un’ impresa edile a via Martucci ad abbandonare materiale residuo al suolo. Nella zona del centro prossima alla via Toledo sono state controllate con appostamenti diverse strade ed attività commerciali che hanno permesso di multare 5 ristoranti tra via Santa Brigida, piazzetta Matilde Serao, Vico San Mattia e via Vittorio Emanuele per uso dei sacchi neri e mancata differenziata. La pizzeria di via Vittorio Emanuele è stata multata pure per il mancato rispetto del divieto di fumo.
Intensi sono stati anche i controlli alle attività di bar e ristorazione sul territorio con particolare riferimento alla zona dei Quartieri Spagnoli e di via Chiaia dove insistono numerose attività di recente apertura affollate dai turisti allo scopo di verificare i titoli autorizzativi per lo svolgimento dell’attività.
In particolare, in Vico Tiratoio un ristorante è stato multato per occupazione abusiva di suolo pubblico con tavolini e sedie per 18 mq. Anche un minimarket in Vico Lungo Gelso è stato sanzionato per occupazione abusiva per 2 mq antistanti l’esercizio commerciale. Mentre un bar in via Trinità degli Spagnoli è stato multato perché occupava senza titolo 6 mq di pubblica via. Invece nella centralissima via Chiaia una gelateria è stata sorpresa a lavorare priva di tutte le necessarie autorizzazioni e quindi verbalizzata per mancanza della licenza di somministrazione con una multa di € 5000,00 nonché per mancata licenza sanitaria con un verbale di €3000,00. Inoltre è stata sanzionata pure per mq 4 di occupazione abusiva ai sensi del cds con importo di € 173,00 oltre la cosap di € 2800,00.
Al Corso Vittorio Emanuele un ristorante è stato multato perché occupava con arredi 40 mq di suolo pubblico senza autorizzazione. A Largo Sermoneta una pizzeria è stata sanzionata con un importo di € 5000,00 per mancanza di autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande, in quanto gli uffici competenti avevano dichiarato irricevibile la pratica. Multato anche un automarket alle Rampe di Sant’Antonio a Posillipo per 15 mq di occupazione di suolo senza concessione, un ristorante a via Posillipo per mancanza di autorizzazione all’installazione della tenda solare ed un bar in via Carducci per 4 mq di occupazione abusiva di suolo pubblico.
Sul Lungomare un venditore ambulante è stato sorpreso a vendere in via Nazario Sauro, zona interdetta alla vendita itinerante ed è stato multato con un importo di € 1000,00.
In Cavalli di Bronzo e via Santa Lucia sono stati multati 3 parcheggiatori abusivi anche con il sequestro dei proventi. Un parcheggiatore abusivo è stato sorpreso a via Chiatamone ad esercitare l’illecita attività violando il daspo emesso dal Questore nei suoi confronti ed è stato quindi multato e denunciato all’Autorità Giudiziaria.

Controlli serrati anche da parte della squadra Turistica, gli Agenti all’Aeroporto hanno individuato un venditore ambulante di calzini che con fare molesto avvicinava i numerosi viaggiatori allo scopo di convincerli ad acquistare. Il soggetto è stato verbalizzato perché svolgeva la vendita itinerante senza le autorizzazioni nonché per aver posto in essere un comportamento illecito che ostacolava la libera fruizione delle infrastrutture aeroportuali con un importo totale di 5100 euro.I controlli hanno riguardato anche il contrasto all’abusivismo nel trasporto pubblico tra Aeroporto e Stazione Centrale.Sono stati controllati oltre 60 operatori e sanzionati alcuni per diverse irregolarità. Un tassista è stato verbalizzato perché non rispettava la fila, un altro operatore per essere fuori turno, un altro perché prelevava a meno di 150 m dal posteggio ed un altro per comportamento scorretto. Un tassista invece è stato multato per mancato rilascio della ricevuta su tariffa predeterminata. L’importo di ogni multa e’ 86 euro ed in alcuni casi si è provveduto anche s ritirate la licenza.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami