Covid, movida scatenata nel week-end: multe per assembramenti e mancanza delle mascherine (VIDEO)

    0

    NAPOLI – E’ guerra tra Governo e Regioni sul piano vaccini.

    Ieri aspro diverbio tra il commissario Arcuri e il governatore campano De Luca nel corso del vertice online convocato dal ministro Boccia.

    “Abbiamo assistito al mercato nero dei vaccini – aveva detto De Luca – è tempo di smetterla con le manfrine, arriveremo a chiedere l’invalidazione del piano di distribuzione” il tutto a causa dei ritardi nella consegna delle dosi e per la differente ripartizione delle scorte vaccinali.

    E mentre a livello politico si litiga lo scorso week end si è assistito a un preoccupante liberi tutti specie da parte dei giovani della movida sempre più indisciplinati e sempre più contro le regole le restrizioni.

    Numerose le operazioni di Polizia Locale, di stato carabinieri e Gdf andate in scena a Napoli e in provincia dopo sono fioccate le multe per superamento dell’orario del coprifuoco e per assembramenti pericoli e mancanza dei dispositivi di sicurezza.

    Emblematico quanto successo all’esterno dell’Università orientale dove un ragazzo si è arrampicato su un lampione staccando una telecamera di sicurezza. Il motivo facile da intuire in tanti in quella piazza e tanti senza mascherina, e tra loro presenti numerosi spacciatori che dopo mesi sono tornati in strada.

    Nel centrale Largo San Giovanni Maggiore i carabinieri hanno individuato e “sciolto” diversi assembramenti. 14 le persone sanzionate, tre perché senza mascherina, le restanti perché in strada oltre l’orario consentito. Stesse scene a Marianella, Frattamaggiore, Ischia, nella zona dei baretti di Chiaia.

    Nei quartieri Vomero e Arenella, i militari della locale compagnia hanno identificato 268 persone e controllato 72 veicoli. Un 19enne è stato arrestato in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale procura. Già sottoposto ai domiciliari è ritenuto gravemente indiziato di violazioni alla misura a cui era sottoposto. E’ stato tradotto al carcere di Poggioreale.

    53 le persone sanzionate per violazioni alla normativa anti-contagio. Erano tutte in strada nonostante il coprifuoco e si concentravano nelle piazze principali del quartiere, in particolare in Piazza Fuga.

    Sospesa per 5 giorni l’attività di un bar di Via Freud perché aperto fuori l’orario consentito.

    Denunciato per furto di energia elettrica un 45enne, titolare di un bar in Via Nicolardi, il cui contatore elettrico era stato manomesso per rilevare consumi ridotti.

    Un 40enne del vomero è stato denunciato per detenzione di droga a fini di spaccio. Durante una perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 11 grammi di marijuana.

    2 le persone sorprese alla guida senza patente di guida perché mai conseguita. 3 i parcheggiatori abusivi individuati: 1 è stato denunciato perché già recidivo, gli altri 2 sanzionati. Un 35enne dovrà rispondere di porto abusivo di armi: nelle sue disponibilità trovati un coltellino a serramanico e un bastone telescopico.

    6 le persone segnalate alla Prefettura come assuntori di stupefacenti.

    I controlli continueranno senza sosta.

    Ieri sera gli agenti dei Commissariati Vicaria-Mercato e Vasto-Arenaccia, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Ettore Bellini per una segnalazione di schiamazzi e musica ad alto volume provenienti da un bar.

    Arrivati sul posto una volta entrati hanno sorpreso numerose persone intente a consumare bevande e cibo, tutte prive della mascherina e inosservanti del distanziamento, molte delle quali si sono date alla fuga.

    I poliziotti hanno identificato il gestore e quattro avventori sanzionandoli per inottemperanza alle misure anti Covid-19 per un importo totale di 2mila euro e disponendo la chiusura del locale per 5 giorni.

    Nella tarda serata di ieri gli agenti dei Commissariati San Giovanni Barra e Ponticelli, durante il servizio di controllo del territorio, transitando in corso Bruno Buozzi hanno notato un ristorante aperto al cui interno vi erano diversi clienti.

    I poliziotti, una volta entrati, hanno trovato 14 persone, sedute ai tavoli intente a consumare cibo e bevande, e le hanno sanzionate, unitamente al titolare, per inottemperanza alle misure anti Covid-19; inoltre, è stata disposta la chiusura dell’esercizio per 5 giorni.

    Nella giornata di ieri gli agenti del Commissariato San Ferdinando hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nella zona dei “baretti” e delle vicine vie dello shopping dove hanno identificato 149 persone sanzionandone 2 per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché prive di mascherina.

    Inoltre, i poliziotti hanno sanzionato i titolari di due bar in via Bisignano all’esterno dei quali si erano creati degli assembramenti.

    Infine, in via Caracciolo e via Chiatamone, i poliziotti hanno bloccato e denunciato due napoletani con precedenti di polizia già sottoposti a DACUR (divieto di accesso alle aree urbane) poiché stavano svolgendo nuovamente l’attività di parcheggiatore abusivo e per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.

    I carabinieri della Compagnia di Sorrento durante la serata di ieri hanno effettuato un massiccio intervento di controllo straordinario del territorio nel comune di Sorrento, nell’ambito di servizi disposti dal Comando Provinciale di Napoli. Nelle ore pomeridiane e serali i militari hanno cinturato con decine di posti di controllo il centro del principale comune costiero, riscontrando una folta presenza di persone nonostante le avverse condizioni meteo.

    I primi tre arresti sono stati per furto aggravato all’interno di un supermercato. Il sensore d’allarme all’uscita dell’esercizio ha iniziato a suonare al passaggio di tre avventori con gli zaini visibilmente carichi.

    Una pattuglia della locale stazione carabinieri è intervenuta immediatamente bloccando i sospetti e rinvenendo negli zaini oltre 500 euro di refurtiva, per la maggior parte costose bottiglie di liquore.

    Ai polsi dei tre, di nazionalità georgiana, due uomini e una donna, rispettivamente di 50, 37 e 38 anni, tutti con precedenti specifici, sono scattate le manette.

    I militari in borghese della sezione operativa, attirati dai movimenti ambigui di due soggetti della zona, un 35enne di Sant’Agnello e un 28enne di Sorrento, li hanno fermati e perquisiti, sorprendendoli in possesso di 21 grammi di cocaina già suddivisa in dosi pronte per essere cedute. La sostanza è stata sequestrata, mentre i due, arrestati per detenzione ai fini di spaccio di cocaina, sono stati tradotti al carcere di Poggioreale.

    E ancora, una pattuglia ha fermato all’ingresso di Sorrento un ucraino 23enne domiciliato in Piano di Sorrento, addosso al quale i militari hanno rinvenuto 10 pasticche di ecstasy. La droga sintetica è stata sequestrata, mentre il giovane è stato denunciato in stato di libertà per detenzione di droga a fini di spaccio.

    Nel corso delle operazioni i militari hanno elevato 5 sanzioni per violazione delle disposizioni governative in materia di contenimento del contagio da covid-19, in particolare non veniva rispettata la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

    Al termine del servizio i militari hanno identificato oltre cento persone, 18 delle quali con precedenti penali. Controllato 60 veicoli e elevato contravvenzioni al c.d.s. per un importo complessivo di oltre 5000 euro.

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments