1708088_clochard

NAPOLI – Come ogni anno torna l’emergenza freddo e spunta inesorabile anche la conta dei senzatetto che muoiono nelle strade di ogni città. Dormitori e ricoveri, gestiti da comuni e associazioni, non riescono a far fronte al numero di richieste che arrivano.

Per limitare le morti in strada per il freddo, Il Comitato Nazionale Emergenza Homeless, grazie alla campagna “Un sacco di vita”, provvede alla distribuzione di sacchi a pelo ai clochard. Alla campagna di sensibilizzazione sul tema hanno aderito anche personaggi dello spettacolo e dell’arte come Jacopo Fo, Ivana Spagna, Raf, e tanti altri.

“Un sacco di Vita” è un gruppo d’acquisto nazionale di raccolta e distribuzione sacchi letto pensata da homeless per homeless, al fine di evitare tragiche morti per ipotermia durante il periodo invernale.

L’ obiettivo è quello di aiutare, ogni anno, 15.000 senzatetto che rappresentano circa il 30% dei senza tetto presenti sul territorio nazionali. Da oggi è attivo il centro di distruzione di Napoli.

Per chi volesse donare un sacco a pelo a un clochard, lo può fare anche online tramite l’innovativo sistema Helperbit, la prima piattaforma italiana che traccia gli aiuti umanitari in Bitcoin.

“Abbiamo notato che in alcune campagne benefiche di raccolta fondi, spesso questi soldi non andavano esattamente dove dichiarato – ha spiegato Guido Turricchia, presidente di Helperbit -. Questa piattaforma invece offre una trasparenza totale, garantendo la bontà di ogni operazione. Siamo in primi in Italia a fare questo e tra i primi al mondo.“ Le donazioni tramite il sito possono essere effettuate da tutta Italia e aiuteranno i clochard di ogni città in cui verrà messa in atto l’iniziativa della distribuzione dei sacchi a pelo.

Per chi volesse donare può trovare le indicazioni sulla pagina Facebook di “Un Sacco di Vita” oppure collegarsi alla piattaforma di Helperbit.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments