arresto-carabinieri-2015

NAPOLI – E’ stato arrestato con la possibile accusa di violenza e omicidio Dmytro Trembach il compagno di Anastasiia Bondarenko, la donna di 23 anni trovata carbonizzata nel suo appartamento in vico Sant’Antonio Abate a Napoli lo scorso 10 marzo.

Stando alle indagini condotte dai militari dell’arma e dalla Procura della Repubblica di Napoli mediante l’autopsia, la vittima sarebbe stata prima picchiata dall’uomo in un possibile litigio tra i due, poi una volta accortosi di averla uccisa, l’assassino avrebbe appiccato le fiamme nell’appartamento per simulare un incendio accidentale.

Solo per un caso fortuito, grazie alla prontezza di spirito di una vicina durante l’incendio si sarebbe salvata la figlia di 5 anni della vittima.

Stando alle testimonianze raccolte dagli inquirenti, la donna aveva accennato all’idea di lasciare il suo uomo definendolo un violento.

I militari dell’Arma sono riusciti a individuare il movente già’ poche ore dopo la scoperta dell’incendio e i soccorsi e le ipotesi dei rilievi sul posto hanno dato una spinta alle indagini, non per incidente o suicidio ma per omicidio.

L’arresto per decreto di fermo è avvenuto anche perché l’uomo era in procinto di lasciare Napoli: se non fosse scoppiata la guerra, avrebbe preso il primo autobus per Kiev.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments