POZZUOLI – Diverse persone, la scorsa notte sono state ricoverate all’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, a causa di un’intossicazione alimentare dopo aver mangiato verdura, probabilmente velenosa. Una di queste è in prognosi riservata.

Si tratta di persone di distinti nuclei familiari. La verdura sarebbe stata acquistata in diversi negozi dei comuni di Quarto e Monte di Procida. La sintomatologia sarebbr riconducibile a quella della mandragora, la pianta, sarebbe stata confusa con gli spinaci e le biete e, molto probabilmente conservata scusa e non imburrata. Gli accertamenti sono in corso da parte di ASL e Carabinieri.

Si consiglia di evitare di comprare gli spinaci freschi. I casi si stanno verificando nella zona Flegrea forse, perché i fruttivendoli, si riforniscono allo stesso mercato.

Gli accertamenti dei carabinieri continuano in sinergia con i colleghi del NAS e con personale specializzato delle ASL competenti territorialmente. Si sta percorrendo la filiera di distribuzione per rintracciare i lotti verosimilmente a rischio “mandragora”. Da quanto accertato finora alcuni dei lotti sono stati commercializzati da società di Forio d’Ischia, Aversa, Volla, San Valentino Torio (SA) e Avezzano (AQ). Le ASL territorialmente competenti hanno sottoposto l’alimento a blocco ufficiale ai sensi dell’art. 137 e 138 del Reg. UE 625/17 per effettuare campionamenti e analisi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments