NAPOLI – Sessantuno scrittori, trentuno eventi, un processo ad Arsenio Lupin, con magistrati veri (guidati dal pm Raffaele Marino) e la partecipazione di Maurizio de Giovanni e Diego De Silva (giovedì alle 18); un’area giochi dedicata ai murder party, una simultanea di scacchi (perché scacchi e gialli vanno da sempre a braccetto) con la pluricampionessa italiana delle 64 case in bianco e nero, Mariagrazia De Rosa. E poi… un workshop di scrittura con Franco Forte, il direttore dei Gialli Mondadori, un contest fotografico curato da Spazio Tangram, una lezione su come si traduce un giallo con Luca Briasco, il traduttore italiano di Stephen King, una festa dedicata a Julia Kendall, la criminologa della Bonelli in esclusiva a Napoli solo per il Festival.
Quest’anno il Festival del Giallo Città di Napoli (diretto da Ciro Sabatino e presieduto da Maurizio de Giovanni), ospitato dall’Istituto Francese e dalla console generale Lise Moutoumalaya, è veramente una grande festa dei delitti di carta con la presenza dei più amati e apprezzati protagonisti del genere.
A guidare il lungo elenco di autori presenti a Napoli dal 25 al 28 maggio, all’Istituto Francese di via Crispi che ospita la kermesse, il presidente onorario d’ ’o Festivàll (come lo chiamano ormai amichevolmente tutti) Maurizio de Giovanni, Carlo Lucarelli e Franco Forte, presenti già l’anno scorso. Tra i nuovi arrivi, invece, il maestro del thriller Donato Carrisi, Sandrone Dazieri (altro storico direttore dei Gialli Mondadori), Gaetano Savatteri (con Makari e la coppia di investigatori dilettanti siciliani Saverio Lamanna e Peppe Piccionello), Alessia Gazzola (autrice de L’allieva), Roberto Costantini (con la sua Trilogia del Male).

Da Genova arriva il padre di Julia Kendall, Giancarlo Berardi, da Milano Luca Crovi (scrittore, saggista, editor della Bonelli e massimo esperto di gialli in Italia) e Chiara Moscardelli (l’editor e giornalista – La Stampa, Vanity Fair, Donna Moderna – creatrice di Teresa Papavero), da Torino Alice Basso (suona il sax ed è considerata la madre del cosy crime) ed Enrico Pandiani (sceneggiatore de Il Mago e vincitore dello Scerbanenco), da Bologna Grazia Verasani, storica fondatrice del Gruppo 13 (il collettivo di scrittori che portò a battesimo Carlo Lucarelli) e indimenticata autrice di Quo vadis, baby?, da Firenze Enrico Solito massimo esperto di Sherlock Holmes in Italia, da Roma Giuseppina Torregrossa (la ginecologa che fuma il sigaro e scrive gialli tradotti in mezza Europa), da Bari Gabriella Genisi e la sua Lolita Lobosco, da Siracusa Cristina Cassar Scalia (l’autrice di Vanina Guarrasi prossima serie Tv di Canale 5), da Cagliari Piergiorgio Pulixi considerato uno degli scrittori più interessanti del thriller nostrano.
Tra i napoletani Sara Bilotti, Patrizia Rinaldi, Diego Lama, Serena Venditto la faranno un po’ da padroni di casa.
Insomma, un esercito pronto a chiacchierare di gialli e delitti di carta, di segreti e scritture. Perché ogni panel, ogni incontro, non è pensato come la semplice presentazione di un libro, ma come un vero e proprio racconto di viaggio. Quello in un genere intramontabile e quello di un gruppo di scrittori che hanno fatto in modo che questo genere non smettesse mai di farsi leggere e amare.

Si parlerà di noir e di post-noir con Marco Bernardi (figlio di Luigi, forse il più grande editore di noir che ha avuto l’Italia), Tommaso De Lorenzis (già direttore di Rizzoli Noir), e Omar Di Monopoli (lo scrittore che la Bonelli ha scelto per presentare le sue nuove graphic novel) che di questa variante letteraria rappresentano oggi i massimi rappresentanti. Si parlerà di cosy crime e delitti senza sangue con Barbara Perna (la ‘mamma’ di Annabella Abbondante) e i suoi ospiti, si racconteranno amicizie e aneddoti dei più noti scrittori di poliziesco con Maurizio de Giovanni che ospiterà chi il giallo l’ha fatto diventare veramente grande. Ci sarà anche spazio per festeggiare con Simonetta Salvetti il MystFest di Cattolica che quest’anno compie 50 anni e Il Giallo Mondadori con due tra i più importanti direttori della leggendaria collana: Franco Forte e Sandrone Dazieri. E ci sarà anche il tempo per accendere un faro sulla scuola del Giallo Napoletano (invitati circa venti autori, con Giancarlo Piacci in testa, che oggi pubblicano diverse case editrici italiane) e raccontare (con Michelangelo Iossa) uno strano incontro tra Ian Fleming (il padre di 007) e Lucky Luciano. Qui. A Napoli.
Spazio anche agli autori stranieri. Venerdì 26 maggio, grazie a una collaborazione con l’Istituto Cervantes di Napoli, a Napoli arriva Maria Oruña, la regina del thriller spagnolo. Mentre dalla svizzera arriva Natasha Korsakova, la violinista/scrittrice che ha suonato per il papa e che ha la passione per il crime. Francese, ma ormai in Italia da un bel po’, Francois Morlupi, giallista tra i più apprezzati del momento.
Sessantuno, dunque. Per trentuno eventi costruiti in maniera che il pubblico possa conoscere e parlare con i propri beniamini. Tra colazioni sul terrazzo del Grenoble e firmacopie nella sala Dumas dell’Istituto francese.
Tutto grazie alla volontà e alla determinazione di un gruppo di appassionati di gialli. A cominciare dall’ideatore Ciro Sabatino (direttore artistico del Festival per il secondo anno) e finire al team della Libreria Iocisto di Napoli, che cura anche un grande stand dove si potranno trovare i libri di tutti gli scrittori presenti.
Ultima novità di questa edizione anche un mensile cartaceo, organo ufficiale del Festival e diretto dalla giornalista napoletana Anita Curci: Gialli.it. La testata tutta napoletana continuerà le sue pubblicazioni anche nei prossimi mesi, quando la kermesse si trasformerà in una serie di eventi off tutti da seguire.
Lunga vita al Festivàll.

“Ora Napoli è veramente la capitale del Giallo in Italia”
di Ciro Sabatino

Quando nel 1851 apparve a Napoli Il mio cadavere di Francesco Mastriani sembrò quasi che la città che ospitava l’élite culturale europea volesse prendersi anche il primato della letteratura di genere. Dieci anni dopo Poe, ma sedici anni prima di Collins e ben trentasei anni prima di Doyle uno scrittore italiano si infilava nei registri del mystery, e scriveva di veleni e oscure trame delittuose. Non accadde nulla. Come niente successe dopo che donna Matilde Serao di gialli ne firmò addirittura due (Il delitto di via Chiatamone e La mano tagliata). Erano gli inizi del Novecento e la scrittrice di Patrasso, fondatrice de Il Mattino e prima donna italiana a dirigere un quotidiano (Il Giorno), si era inventata un detective che faceva il verso ai vari Nick Carter delle dime novel americane. Nulla. Nulla nemmeno dopo Veraldi e la sua Mazzetta (1976). Nulla dopo Ferrandino e il suo Pericle il nero (1993). Insomma, abbiamo dovuto aspettare Maurizio de Giovanni perché Napoli vedesse finalmente nascere una vera e propria Scuola di letteratura poliziesca e di indagine che ha dato un senso anche alla nascita del primo Festival del Giallo. Bisognava festeggiare. Lo abbiamo fatto regalando a quello che sembrava solo il gioco di un gruppo di amici, una seconda edizione che impone il Festivàll come la kermesse giallistica più grande e importante del Paese.
Ora veramente non ci fermiamo più. Perché ora, sul serio, Napoli è la capitale del poliziesco in Italia.

Partnership e collaborazioni

Il Festival del Giallo Città di Napoli è un format ideato e diretto da Ciro Sabatino, editore e fondatore di Gialli.it.
Il progetto, nato nel 2021 grazie all’incontro con la libreria napoletana Iocisto (unica libreria italiana creata dai lettori), è stato realizzato anche con il contributo dello scrittore Maurizio de Giovanni che è il Presidente onorario del Festival.
La kermesse, alla sua seconda edizione, è ospitata dall’Istituto Francese di Napoli, diretto dal console generale Lise Moutoumalaya, nata a Guadalupe e all’età di 10 anni trasferita a Parigi.
Altre collaborazioni importanti e decisive, quelle dell’Istituto Cervantes di Napoli (diretto dalla dottoressa Ana Navarro Ortega) che quest’anno porta al Festival la scrittrice spagnola Maria Oruña, e quella della Scuola Italiana di Comix diretta da Mario Punzo che da due anni offre al Festival il manifesto ufficiale (quest’anno disegnato da Antonio Marinetti e dedicato a Julia Kendall, criminologa creata da Giancarlo Berardi per la Sergio Bonelli Editore).
Da quest’anno al Festival collabora anche la collana Il Giallo Mondadori che affianca il Premio Gialli.it per il miglior racconto giallo inedito (il vincitore verrà annunciato sabato 27 maggio durante la serata del Festival dedicata alla Storia del Giallo Mondadori e pubblicato in appendice alla leggendaria collana diretta oggi da Franco Forte).
Tra i partner si segnala la partecipazione di due scuole: la Rocco Scotellaro di San Giorgio a Cremano e la Elena di Savoia/Diaz di Napoli, che partecipano alle attività della Sala Stampa, dell’accoglienza e del catering (Istituto Elena di Savoia/Diaz), e dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, cui è stata affidata la documentazione video della quattro giorni di delitti di carta.
Rinnovata anche la collaborazione con Spazio Tangram (la Scuola di Fotografia del Vomero di Michele del Vecchio) che organizza un contest fotografico dedicato al noir.
Il Festival si avvale, infine, del Patrocinio del Comune di Napoli (anche l’Assessore al Turismo Teresa Armato è una grande appassionata di gialli) e della Città Metropolitana di Napoli.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments