ANACAPRI – Ieri martedì 22 marzo è ripresa nell’Auditorium Paradiso di Anacapri la rassegna “Terra d’Anacapri, Patrimonio, Teatro & Letteratura” finanziata dalla Città Metropolitana di Napoli e promossa dal Comune Anacapri su proposta dell’Assessore al Turismo e Cultura, Manuela Schiano. La rassegna di eventi era nata nel 2020 per arrestarsi subito dopo a causa dello scoppio della pandemia da Covid-19. Ma con i progressivi ritorni della normalità e della primavera, torna anche la possibilità di fare cultura e di valorizzare il patrimonio anacaprese attraverso spettacoli teatrali, reading e passeggiate culturali, tutte iniziative volutamente organizzate in un periodo di bassa stagione, in modo tale da consolidare e promuovere l’idea un turismo culturale destagionalizzato.

La rassegna ha ripreso vita con un nuovo spettacolo della serie “Anacaprifateatro”, intitolato “Tre volte per amore”, a cura della Compagnia del Giullare, con regia di Brunella Caputo, luci e musiche di Virna Prescenzo e interpretazioni di Brunella Caputo e Davide Curzio. Lo spettacolo, molto apprezzato dal pubblico entrato gratuitamente in sala, si è composto di tre monologhi, tratti da altrettanti racconti dello scrittore napoletano Maurizio De Giovanni, autore anche di apprezzate serie televisive che si è occupato di reinterpretare e reimmaginare tre celebri casi di cronaca nera.
“Tre volte per amore” scava cosi, con cruda freddezza, nelle passioni e nelle ossessioni vorticose di un uomo e due donne apparentemente immacolati e “normali”, ma che in realtà nascondono oscuri ed inconfessabili peccati e segreti. I loro ruoli e le loro prospettive intellettuali si inseguono e si ribaltano continuamente, e al termine della rappresentazione, una sola domanda risuona, sorda e agghiacciante: chi sono i veri mostri?

La rassegna proseguirà il prossimo martedì, 29 marzo, alle ore 19, sempre all’Auditorium Paradiso di Anacapri, stavolta con “Voci dall’inferno. Concerto dantesco per voci narranti”, regia di Brunella Caputo, interpretazioni di Brunella Caputo, Davide Curzio e Caterina Micoloni, musica dal vivo di Max Maffia, immagini fotografiche di Cristina Santonicola e coreografie di Virna Prescenzo.

“Terra d’Anacapri, Patrimonio, Teatro & Letteratura” continuerà poi anche ad aprile e maggio, sempre all’insegna di concerti, passeggiate e incontri culturali, tra cui un’esposizione dedicata a Dante e un reading che coinvolgerà i giovani dell’isola.

Il gran finale si avrà il 5 giugno, con il simbolico saluto alla primavera e il benvenuto all’estate anacaprese 2022.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments