NAPOLI – Il Museo Darwin-Dohrn (DaDoM), il centro scientifico-culturale della Stazione Zoologica Anton Dohrn, spegne la sua prima candelina. Singolare esempio in Italia di museo dedicato alla divulgazione scientifica sull’ambiente marino e sensibilizzazione culturale sulla “risorsa mare”, nel corso di questo anno il Museo ha registrato un grande successo di pubblico. Da giugno 2021, in particolare, data di inaugurazione dell’Aquarium, le strutture della Stazione Zoologica aperte al pubblico sono state visitate da 134.000 persone. Di queste, circa il 10 % (e cioè 13.427 persone) ha visitato il DaDoM per approfondire le tematiche di ecologia ed evoluzione della vita marina. Ed è proprio il consolidamento nel tempo del ruolo che l’Ente ha sul territorio a consentire al visitatore di immergersi nella conoscenza del Mare nostrum, diventando così parte attiva nella tutela degli habitat marini.

Il DaDoM, inoltre, è stato palcoscenico di 18 seminari divulgativi e di quattro network internazionali. E ancora, presso il DaDoM, negli ultimi 12 mesi, si sono tenuti un totale di sette eventi, sei convegni e congressi, cinque meeting, quattro presentazioni di libri e due mostre. È stato, inoltre, sede della prima edizione del Film Festival Pianeta Mare. La struttura ha ospitato la Sala Stampa del Giro d’Italia e il Consiglio Scientifico della SZN. Numeri che confermano quanto il DaDoM sia diventato un punto di riferimento a livello territoriale e non solo.

Il Museo Darwin-Dohrn

Il Museo Darwin-Dohrn (DaDoM) è intitolato ai due giganti della scienza e della biologia evoluzionistica, Charles Darwin e Anton Dohrn. Ha sede nella “Casina del Boschetto” nella Villa Comunale di Napoli, tornata a nuova vita a seguito di un’importante opera di riqualificazione, restauro e rifunzionalizzazione della durata di quattro anni.

All’interno del DaDoM, in particolare, i visitatori possono percorrere un viaggio negli oceani attraverso il tempo, in cui scoprire come gli organismi si siano adattati a tutti gli ambienti marini. In questa passeggiata, il pubblico può incontrare le forme primordiali di vita comparse negli oceani oltre 3 miliardi di anni fa, scoprire le teorie evolutive e vedere fossili che mostrano l’evoluzione di forme e funzioni nel corso delle ere geologiche. Attraverso opere d’arte pittorica, sculture, reperti biologici e strumentazioni storiche, è possibile conoscere i meccanismi che hanno portato alle forme di vita attuali e come gli organismi marini si muovono, si nutrono e si riproducono negli oceani.

Fulcro del DaDoM è la sala polifunzionale che ospita, tra le altre, un grande scheletro di capodoglio (spiaggiato a Ischia a Natale del 2018 e recuperato dagli stessi ricercatori della SZN). La maestosa Glass cage, vetrata di 6 metri di altezza multipiano, raccoglie parte degli oltre 10.000 reperti storici della Stazione Zoologica.

Chris Bowler, Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn ha affermato: “Il Museo Darwin – Dohrn è un esempio unico in Italia, dove il pubblico può attraversare oltre 3 miliardi di anni di evoluzione e comprendere la straordinarietà degli adattamenti degli organismi all’ambiente marino. È davvero eccezionale che 150 anni dopo la realizzazione della SZN, esista oggi un luogo come il DaDoM che, oltre a mostrare la bellezza e le origini della vita nei nostri oceani, celebra l’importanza della corrispondenza fra Dohrn e il famoso Charles Darwin nella scelta di Napoli come luogo privilegiato per studiare l’evoluzione. Le attività del Museo, inoltre, ci consentono di promuovere non soltanto la visibilità scientifica internazionale, ma anche il ruolo dell’Ente a livello territoriale, rafforzando l’unione tra scienza e cultura e il legame tra la Stazione Zoologica e i cittadini napoletani e campani.”

 

Ferdinando Boero, chair della Stazione Zoologica Anton Dohrn e Presidente della Fondazione Dohrn, ha spiegato: “Chi entra al Museo Darwin-Dohrn non solo resta estasiato per quanto osserva, ma acquisisce anche consapevolezza sulla biodiversità marina e sull’evoluzione della vita in mare. La struttura prevede mostre temporanee che permettono di approfondire specifici argomenti, cicli di conferenze, workshop e convegni nazionali e internazionali. Con il Pianeta Mare Film festival abbiamo celebrato la nascita della moderna biologia marina, per opera di Anton Dohrn, e del cinema, per opera di Etienne Jules Marey, l’inventore della cronofotografia (primo strumento per documentare il movimento). Il Museo completa l’approccio alla biologia marina realizzato da Anton Dohrn con l’Aquarium e proseguito con l’attività di riabilitazione delle tartarughe marine del Turtle Point di Portici. Nel 2022 la Stazione Zoologica Anton Dohrn, con il supporto della Fondazione Dohrn, ha ospitato 90.000 visitatori nelle sue tre strutture, aprendo le sue porte alla città e ai suoi ospiti, e proponendosi come volano culturale verso la transizione ecologica”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments