CAVA DEI TIRRENI – Un’altra grande esclusiva al Moro di Cava de Tirreni che venerdì prossimo 29 marzo ospita Atomic Bass una straordinaria band internazionale con ospite Alfonso Deidda al sax (inizio ore 22, info: 3403939561 e publimoro.it).

Occasione unica in esclusiva regionale per ascoltare live la nuova creatura musicale di Giuseppe Bassi (contrabbasso), che annovera Sumire Kuribayashi al pianoforte e Sebastiaan Kaptein alla batteria, rinforzati per l’occasione dal polistrumentista Alfonso Deidda: un gruppo composto da musicisti stellari, per celebrare la bellezza di due nazioni: l’Italia è il Giappone.

Giuseppe Bassi è un musicista versatile la cui musica spazia dal jazz d’avanguardia più tradizionale, al funk e alla musica classica. Nella sua prolifica carriera artistica ha suonato e registrato con alcuni dei più grandi musicisti jazz del mondo tra cui: Lew Tabackin, Bill Mays, Don Friedman, Bobby Durham, John Hicks, Jed Levy, Joe Magnarelli, Helen Sung, Mark Soskin, Bill Goodwin, Billy Drummond, Greg Osby, John Hicks, Mal Waldron, David Liebman, George Garzone, Tony Scott, Harold Danko e tanti altri. In Italia ha collaborato con tutti i più importanti e rappresentativi musicisti jazz italiani: Enrico Pieranunzi, Dado Moroni, Max Ionata, Fabrizio Bosso, Gege’ Telesforo e tantissimi altri.
Sumire Kuribayashi: Pianista e compositrice originaria di Saitama (Tokio), sì e guadagnata il titolo di stella nascente nella nuova scena jazz internazionale. Ha pubblicato quattro album acclamati dalla critica. L’anno scorso ha pubblicato due album consecutivi, “Pieces of Colour” e “The Story Behind”, in tournée in Giappone e in tutta Europa. Sumire appartiene alla giovane generazione della scena jazz nipponica, di cui è diventata una degli esponenti di primo piano grazie alle sue doti creative degne di nota e al notevole storytelling che attraversa le trame della sua musica.
Sebastiaan Kaptein: Batterista olandese, ha studiato con Roy Dackus al Conservatorio di Groningen. Dopo un esperienza di studio a New York presso la Drummers Collective, Sebastiaan ha iniziato a suonare e fare tournée condividendo i palcoscenici con musicisti come Toots Thielemans, Deborah Brown, Fleurine e Brad Mehldau.

Il repertorio di composizioni originali e di musiche ricercatissime, propone descrizioni e quadri di vita che evocano l’amore nelle sue espressioni, in uno stile in cui il jazz sposa la cultura musicale giapponese, e i suoni si sposano per partorire una musica molto passionale e fortemente evocativa di incontri, luoghi e favole. Sullo sfondo , la radioattività positiva della musica che, con la sua forza “Atomica”, lenisce dolori e sofferenze di umanità e natura. Un concerto che sarà molto difficile dimenticare e che sarà introdotto da Antonio Moscatello, che scrive e descrive il concerto e le musiche in versi poetici introduttivi e conclusivi.

Per la prima volta in Campania, Sumire Kuribayashi, pianista, rising star Giapponese, acclamata dalla critica e Sebastiaan Kaptein, batterista olandese, già nella band di Toots Thielemans e collaboratore di nomi del calibro di Brad Meldhau e Deborah Brown.

Con questo band, Bassi suonerà poi in un tour in Giappone fino a giungere a Fukushima, dove Atomic Bass tra novembre e dicembre girerà un film documentario nella zona rossa dove esplose il reattore atomico. Lì la musica esploderà le sue radiazioni positive che è medicina dell’anima e del corpo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments