Gli “Indecifrabili” è questo il titolo del lavoro editoriale della Dott.ssa Giovatore. Una lettura che pone l’attenzione sul mondo degli adolescenti e non solo. L’adolescenza è un momento difficile e dove il più delle volte gli stessi genitori non sanno come comportarsi. Una tappa che segna effettivamente la vita di ognuno di noi, sia in positivo che in negativo. Ed è proprio nel momento dell’adolescenza che il più delle volte i ragazzi tendono a chiudersi a riccio e a non parlare con nessuno, vedendo nella famiglia un possibile “nemico”, ed è così che si ricade nel mondo del cyberbullismo, del sesso e non soltanto. Una lettura che potrà rivelarsi utile non soltanto per gli adolescenti ma per gli stessi genitori, mediante un vero e proprio manuale loro sapranno bene come poterli aiutare e soprattutto sapranno ben capire i momenti difficili.

Dott. ssa Giovatore come nascono gli “Indecifrabili” e soprattutto chi sono?

“Indecifrabili sono tutti quei ragazzi che non riescono per qualche motivo ad esprimere in modo chiaro i loro sentimenti, i loro desideri  e i loro sogni a volte è solo una questione di cattiva comunicazione, loro che non sanno esprimersi e i genitori o chi è dall’altra parte che non sa ascoltarli correttamente. Per ascoltare bene qualcuno ci vuole tempo e partecipazione e la vita frenetica che facciamo oggi non ci permette di avere né uno nell’altro. Sono indecifrabili anche tutti quei ragazzi che esprimono comportamenti sintomatici di malessere e di noia e per questo o si ritirano o si ribellano ad una società che per loro diventa difficile da vivere”.

Un libro che sarà sicuramente utile sia agli adulti che agli adolescenti. Secondo lei, perché il mondo dell’adolescenza è così difficile e, soprattutto perché oggigiorno i problemi sembrano essersi ampliati?

“Questo libro nasce dalla volontà di rivolgersi ai genitori per offrire loro degli strumenti pratici su come comunicare con i propri figli, in modo da abbassare il conflitto e migliorare la relazione. Nella mia esperienza di (Psicologa) mi sono resa conto negli ultimi tempi che i genitori sono totalmente disorientati e preoccupati, questa generazione adolescenziale sembra più problematica delle altre, ma in verità ciò che i genitori devono imparare ad affrontare efficacemente è il rapporto dei ragazzi con il web e con i social che prima non esisteva.

L’adolescenza è sempre la stessa una fase di grande cambiamento biologico psicologico ed emotivo, ciò che è aumentato e cambiato è un atteggiamento di fragilità e di paura rispetto al desiderio di approvazione e di visibilità che i social hanno inevitabilmente portato nella vita di ognuno di noi non solamente dei ragazzi.

Tutti ormai misurano il proprio valore personale in risposta ad un’approvazione che torna indietro non più dall’ambiente sociale o non solo, ma potremmo dire di più dall’ambiente social, guai a non avere quell’approvazione che ai ragazzi serve per dare valore alla propria autostima.

Nella prima parte del libro affronto in parole semplici e con concetti facili come è  fatto il cervello di un adolescente, è giusto che i genitori sappiano che durante questa fase di sviluppo il cervello è cablato in un modo non ancora definitivo nel quale la corteccia prefrontale non è ancora pienamente matura e sviluppata e il loro senso di ragionevolezza a lungo termine è compromesso e sovrastato dal bisogno di vivere forti emozioni”.

Cosa si può fare per la nuova generazione e qual è il messaggio che lei desidera lanciare?

“L’adolescenza è una fase che va accompagnata i genitori possono essere quella protesi cognitiva che i ragazzi serve per arrivare lì dove il loro cervello ancora poco maturo non sa arrivare, ma il tutto va fatto e accompagnato con uno stile di comunicazione efficace ed empatica e per far si che questo accada bisogna conoscere quelle che sono le tecniche dell’ascolto attivo e partecipativo elencate e descritte nella seconda parte del libro. Nel momento in cui un figlio si sente visto e riconosciuto è più facile aprire con lui un dialogo di ragionamento e consapevolezza”.

La lettura si apre con la splendida prefazione della dott.ssa Roberta Bruzzone, come nasce la collaborazione con lei e com’è lavorare al suo fianco?

“La dottoressa Roberta Bruzzone si occupa magistralmente da danni a livello giuridico di adolescenza e di comportamenti criminologi legati all’età minorile, del mio libro ha apprezzato che esista una possibilità importante di prevenire lo sviluppo di certi comportamenti a rischio attraverso la costruzione e conduzione di una comunicazione efficace che si può avere con i ragazzi”.

Ha in mente di portare il libro all’interno delle scuole?

“Sì esattamente. il mio obiettivo ultimo è arrivare a sensibilizzare anche i docenti gli educatori e i ragazzi stessi che possano attraverso la lettura di questo libro comprendere che ci può essere un modo diverso di relazionarsi”.

In che momento nasce l’esigenza di scrivere e soprattutto ha in mente di scrivere altro? Se sì, che tematica andrà ad affrontare?

“L’esigenza di scrivere è nata in me per allargare il più possibile la divulgazione a più persone di certi contenuti che possono essere messi in pratica nella vita di tutti i giorni e aumentare in questo modo uno stato di coscienza e di consapevolezza, in indecifrabili il desiderio è partito da quello di rivolgermi ai genitori per migliorare il rapporto con i propri figli, ma sto già lavorando ad un altro progetto editoriale nel quale affronterò il tema della coppia, come si costruisce una famiglia partendo proprio dalla scelta del partner”.

Cosa si aspetta da questa nuova avventura?

“In pochi mesi il libro indecifrabili è già arrivato a centinaia di famiglie e questo per me rappresenta la realizzazione più importante di quello che mi ero prefissata nel momento in cui mi sono impegnata nella realizzazione di questo progetto.

Mi auguro che questa scalata continui e che libro faccia affiorare in più famiglie possibili un nuovo modo di comunicare e dunque un nuovo modo di relazionarsi con i ragazzi di questa generazione”.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments