Le Assassine edizioni ci presentano un altro e avvincente giallo dal titolo “Il procuratore muore”, appartenente alla collana OltreConfine, scritto dall’autrice Luisa Valenzuela. Con questo giallo la scrittrice desidera far riferimento a un episodio di cronaca nera. Un episodio che per tutta la durata della lettura non viene mai citato direttamente, ma che è facilmente riconducibile a ciò che accade in Argentina. Alberto Nisman, un celebre oppositore del kirchnerismo viene assassinato. Il romanzo si apre con la storia del commissario, ormai in pensione, Santiago Maschesi. Lasciato dalla moglie, si sente solo e ogni tanto pensa ancora a quel suo vecchio amore, Teldi. Un pensiero fisso nella mente. Un giorno decide di contattarla, nonostante il tempo sia passato e con suo grande stupore scopre che lei è diventata un’insegnante di Lettere. Si incontrano e iniziano a parlare un po’ di tutto, in particolare, delle letture che condividevano assieme. Per questo motivo, Teldi gli consiglia di leggere un romanzo inedito “La Fonda”.

Ed ecco che a Santiago qualcosa si accende in lui. Un vecchio caso che all’epoca rimase irrisolto. Riuscirà ora a portarlo a termine dopo tutti questi anni?

Un romanzo molto curiosa e adrenalinico. La lettura scivola via molto velocemente e grazie all’utilizzo di uno stile fluido e anche una buona dose di suspense, i lettori si ritroveranno nel centro di un vortice vertiginoso. Il finale inaspettato e sorprendente, frutto di un lavoro certosino e svolto egregiamente. I personaggi sono tutti ben descritti ed è proprio grazie a queste descrizioni che possiamo cogliere anche il loro lato introspettivo.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments