NAPOLI – Le agevolazioni fiscali attualmente in vigore per il settore cinematografico ed audiovisivo consentono ai soggetti privati che intendano investire nel cinema e nell’audiovisivo di poter accedere al credito di imposta (tax credit ) per i seguenti settori: produzione, distribuzione ed esercizio.
Da ultimo, con Decreto Direttoriale prot. n. 1009 del 14 aprile 2020 della Direzione generale Cinema e Audiovisivo (DGCA) del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (MIBACT), sulla stessa lunghezza d’onda delle normative degli ultimi anni in materia, ed in particolare della Legge n. 220/2016 (Legge 14 novembre 2016, n. 220, recante “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo”), è stata aperta (in data 16 aprile 2020) la prima sessione di presentazione delle richieste preventive di credito d’imposta per la produzione cinematografica e per la produzione audiovisiva “Tax credit cinema”.
Anche con l’intento di mitigare gli effetti negativi subiti dal settore cinematografico e audiovisivo a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19 e di ovviare, proprio in questa fase di ripresa del Paese è stato dato il via al riconoscimento dei benefici fiscali in relazione alle produzioni cinematografiche e audiovisive completate o distribuite nel corso del 2019 e del 2020 o a quelle le cui riprese o giornate di lavorazione siano effettivamente iniziate alla data di presentazione della domanda, nonché in relazione alla programmazione svolta dalle sale cinematografiche nel 2019 e fino al 30 aprile 2020.
La prima sessione ha interessato la programmazione realizzata fino al 31 dicembre 2019. In particolare, per la programmazione realizzata dal 1 gennaio al 30 aprile 2020, è possibile inoltrare le richieste del credito d’imposta (a partire dalle ore 12,00 dell’11 maggio 2020) attraverso la piattaforma DGCOL www.doc.beniculturali.it
Le istanze presentate dovranno essere relative ai seguenti tax credit aventi ad oggetto:
a) Produzione cinematografica (TCPF);
b) Produzione opere TV (TCAVTV);
c) Produzione opere Web (TCAVW);
d) Sviluppo opere audiovisive (TCSF);
e) Attrazione investimenti stranieri (TCPI);
f) Distribuzione nazionale (TCDN);
g) Distribuzione internazionale (TCDIF);
h) Sale – Programmazione (TCP).
[Con riferimento alle prime linee di credito sub a), b), c), ed e), al fine di poter inviare le domande definitive, è altresì necessario richiedere (domanda preventiva) l’abilitazione immediata all’invio della richiesta definitiva inviando una mail all’indirizzo taxcreditcinema@beniculturali.it La DGCA ha la facoltà di richiedere ulteriore documentazione tecnica, amministrativa, contributiva, contabile e bancaria al fine di verificare l’effettivo avvio delle riprese ovvero delle lavorazioni e procede alla verifica dell’effettivo stato di avanzamento dell’opera rispetto a quanto dichiarato nella domanda, ai sensi del D.P.R. 445/2000, e nella documentazione disponibile].
***
Sulla scorta di tali previsioni, M.A.C.S., i “Mecenati per l’Arte, per il Cinema e per lo Sport” intende lanciare una Campagna di raccolta fondi a sostegno del settore cinematografico e audiovisivo, ponendosi accanto ai privati e a quanti intendano investire in tale ambito, accompagnando per mano i soggetti interessati a fornire tale sostegno nella procedura di accesso al credito di imposta (tax credit ).
In particolare, M.A.C.S. sostiene il Progetto Cortometraggio “DISEGNO DI UNA MAMMA”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments