NAPOLI (di Raffaele De Lucia) – Esistono le tribute band, e poi ci sono loro i Pink Floyd Legend che in un teatro augusteo sold out hanno dato vita a uno spettacolo di quasi tre ore che ha fatto cantare, ballare e applaudire il pubblico.

Da Time a Wish You Were Here, da Eclips a Final cut passando per i successi di The Wall e Atom Heart Mother i PFL hanno riportato per una sera le ambientazioni, le sonorità e lo show per anni proposto da per anni dal gruppo musicale rock britannico, fondato da Syd Barrett, Roger Waters.

Un grande concerto a 4 anni dall’ultima apparizione partenopea con tanto di coro e orchestra.

Fabio Castaldi leader della band romana ai nostri microfoni ci spiega cosa vuol dire cantare e suonare i Pink Floyd.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments