NAPOLI – Nell’ambito degli eventi organizzati per celebrare il 125° anniversario dell’INPS, si è tenuta ieri a Roma la Conferenza annuale VisitInps, durante la quale sono stati illustrati alcuni dei lavori realizzati da ricercatori accademici grazie al programma VisitInps Scholars.

Sono stati affrontati temi di grande interesse per il dibattito di policy come il ruolo della contrattazione collettiva, sia di primo che di secondo livello, l’esternalizzazione dei rami di azienda, la concentrazione e il monopsonio nel mercato del lavoro, la flessibilizzazione del mercato del lavoro sia in relazione alle dinamiche di salari e produttività che rispetto al tema della fertilità e, infine, il ruolo delle imprese familiari. Tutti i lavori sono stati discussi da ricercatori di Istituzioni come la Banca d’Italia e università romane.

Il professor Gianmarco Ottaviano (Università Bocconi), tra gli economisti più noti nel contesto internazionale sul tema della globalizzazione, ha presentato un lavoro sulla mobilità e produttività dei manager a seconda della loro esperienza presente e passata in imprese attive nel commercio internazionale.

A conclusione della giornata si è tenuta una tavola rotonda, moderata da Maurizio Franzini, sul tema, al centro del dibattito corrente, del mismatch nel mercato del lavoro e il ruolo delle piattaforme di intermediazione tra domanda e offerta di lavoro.

L’intervento introduttivo della professoressa Michèle Belot (Cornell University) ha evidenziato gli sviluppi più recenti nella letteratura sul tema del mismatch, le varie esperienze sul campo di altri paesi europei e il ruolo dell’intelligenza artificiale nel migliorare l’efficacia dell’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

La dott.ssa Paola Nicastro, direttrice di Arpal Umbria, ha illustrato i punti di forza e le criticità che affrontano attualmente le regioni su questo tema. Il dott. Pierpaolo Bonanni (INPS) ha delineato i tratti salienti della piattaforma di intermediazione SIISL, lui cui realizzazione è stata affidata recentemente ad INPS e che si propone di utilizzare banche dati interconnesse e algoritmi di intelligenza artificiale, anche di tipo generativo. La centralità per l’Istituto di adempiere nel migliore dei modi a questa nuova sfida è stata sottolineata anche dal Direttore Generale dell’INPS Vincenzo Caridi. Natale Forlani (Ministero del Lavoro) e Tommaso Nannicini (Istituto Universitario Europeo) hanno evidenziato le criticità che il sistema paese deve affrontare soffermandosi sulle opportunità offerte da una efficiente piattaforma di intermediazione al fine di creare le condizioni per un cambiamento strutturale delle performance del mercato del lavoro italiano.

Il Commissario Straordinario INPS, Micaela Gelera, ha concluso la giornata sottolineando l’importanza del programma VisitInps, nel quale i dati dell’Istituto vengono messi a disposizione di ricercatori accademici e istituzionali per fornire nuove conoscenze dettagliate al policy maker inerenti l’efficacia delle politiche introdotte. Il Commissario Gelera ha posto l’accento, infine, sulla ricchezza offerta dalla divulgazione degli stessi contenuti accademici con modalità diverse, capaci di generare una maggiore interazione tra il mondo della ricerca e quello delle scelte di politica economica.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments