14 C
Napoli
martedì 6 Dicembre 2022

Il Napoli regala un tempo al Lecce: al Maradona finisce 1-1 tra i fischi

-

NAPOLI(di Anna Calì) Colombo sorprende il Napoli e gli azzurri non riescono a risalire la corrente: al Maradona la squadra di Spalletti pareggia 1-1 contro il Lecce. Secondo pareggio consecutivo per il Napoli dopo quello di Firenze. Stasera ci si aspettava di vedere una prova diversa da parte degli azzurri, ma ciò non è avvenuto a causa dell’inserimento del turnover, infatti, ciò che è venuto a mancare è stato proprio il cervello del gioco, la differenza si è potuta notare nella ripresa con i cambi effettuati. Ad aprire le marcature ci pensa Elmas, su assist di Politano mentre a pareggiare i conti è Colombo che, dopo essersi fatto parare il rigore da Meret, tira fuori dal cilindro un sinistro imparabile che fissa il risultato sul pari.Gli azzurri hanno cambiato tanto nella ripresa, cercando di riproporre una squadra più rodata, infatti, il cambiamento si è avuto con l’inserimento di Lobotka che ha saputo dettare i tempi e la squadra ha iniziato a girare bene. Positiva è stata la prestazione anche di Ostigard e Anguissa, mentre in ritardo Ndombele.
Nel finale Spalletti ha inserito anche il Simeone ma non è bastato il Cholito per scardinare la difesa salentina.
Luciano Spalletti ha commentato così il post partita ai microfoni di Dazn: “Bisogna giocare con più pulizia e avere qualità nella costruzione del gioco. Se inizi bene l’azione, l’occasione che ti capita è più pulita. Abbiamo forzato perché loro si sono chiusi lì ed è diventato tutto più difficile con pochi spazi. La squadra la gara l’ha fatta, complessivamente bene. Ci è mancata pulizia. Nel primo tempo facevamo girare la palla lentamente, i passaggi morivano per strada. Non si riusciva a entrare con qualità perché nella fase di costruzione non eravamo così rapidi nell’acchiappare l’uomo libero, per questo ho inserito Lobotka.
Sei cambi all’inizio? Bisogna dare il minutaggio a tutti. In questa vicinanza di gare non è pensabile giocare con gli stessi. Faccio i cambi perché ho una rosa di livello per cui si va a usare tutti i calciatori tanto non hanno possibilità di recuperare con due giorni di recupero sempre gli stessi. Ho tentato di avere più forza offensiva con Raspadori, ho inserito Elmas per proteggere la posizione di Raspadori nel cercare equilibrio in un altro modo. Poi però ci siamo allungati troppe volte perdendo pallino del gioco spesso. E allora poi ho tentato di recuperare il gruppo che poi è più squadra in questo momento qui e hanno fatto buona gara.”
Ergo, non sarebbe più opportuno schierare sin dal primo minuti la squadra titolare, incassare il risultato e, poi, iniziare a fare dei cambiamenti nella ripresa?!

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x