Dopo un mese d’agonia è morto il tabaccaio colpito con un pugno da un africano (VIDEO)

    0

    NAPOLI – Ha lottato con tutte le sue forze ma non ce l’ha fatta Ulderico Esposito, il tabaccaio colpito con un pugno nella stazione di Chiaiano da un cittadino africano lo scorso 9 giugno.

    L’uomo è deceduto al Cardarelli dove era ricoverato in terapia intensiva a causa di una grave emorragia cerebrale.

    Residente a Mugnano, da anni lavorava nella stazione della metropolitana di Chiaiano.

    L’aggressione che avvenne per futili motivi, generò in un cazzotto in pieno viso che manò subito in coma l’uomo.

    Il nigeriano bloccato SUBITO dalla vigilanza, oggi deve rispondere dell’accusa di omicidio.

    Le sue condizioni apparvero immediatamente gravissime. Oggi dopo un mese il triste epilogo.

    “Sono vicino – a nome di tutta la città- alla famiglia di Ulderico Esposito, il tabaccaio aggredito lo scorso 9 giugno all’interno della stazione Chiaiano della Linea 1 della metropolitana.

    Ne sono affranto e voglio rinnovare a tutti loro la fraterna solidarietà di tutta Napoli.

    Continueremo a stare accanto alla moglie e ai figli di Ulderico, non saranno mai soli”. E’ il messaggio di cordoglio del Sindaco Luigi de Magistris.

    Subscribe
    Notificami
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments