NAPOLI – Si è concluso il terzo round del Campionato Italiano Giovanile di Debate, organizzato dalla Società Nazionale Debate Italia con il sostegno di Coop Lombardia, il patrocinio di Commissione Europea e Parlamento Europeo.

Nelle 23 gare disputate il 29 e 30 marzo si sono sfidate le 46 squadre rimaste in gara al termine dei gironi di qualificazione e provenienti da Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia e Umbria.

La mozione, a tema preparato (comunicata alle squadre settimane prima della gara ma senza che queste conoscano in anticipo la posizione pro o contro loro assegnata), era unica per tutte le gare: L’Unione Europea dovrebbe rendere prioritaria la realizzazione del modello degli Stati Uniti d’Europa.

Il tema, fra i più controversi nel dibattito politico europeo degli ultimi anni, ha coinvolto i giovani debater in una serie di duelli serrati che di certo sorprenderanno coloro che pensano ai giovani italiani come distaccati e disinteressati al destino dell’Europa.

A un solo round dalla fine del girone a punti lo scontro diretto tra le squadre ai primi due posti della classifica – Ulivi1 di Parma e i Leoncini di Sant’Eramo in Colle (BA) – si è concluso con un netto 3 – 0 a favore della squadra pugliese, che scavalca gli emiliani e si porta da sola al comando con 7 vittorie e 19 ballot (i ballot sono le preferenze date dai tre giudici). Ulivi1 viene superata anche da due squadre lombarde – Pandoro di Varese e Bazinga! di Busto Arsizio (VA), entrambe a 6 vittorie e 19 ballot – che salgono di una posizione rispettivamente al 2° e 3° posto. A seguire con 6 vittorie e 17 ballot, Confuto Ergo Sum di Termoli (CB), IIS Mosè Bianchi Blue di Monza e Ulivi1.

Ancora molto aperta la competizione per aggiudicarsi gli ultimi posti tra le 16 squadre che disputeranno i play-off a eliminazione diretta (ottavi, quarti, semifinali e finale) il 29 aprile, 8 e 9 maggio: ben 12 squadre con 5 vittorie all’attivo si dividono le posizioni tra la 9° e la 20° e dunque si giocheranno il tutto per tutto nel quarto round dell’8 e 9 aprile, quando ciascuna squadra sosterrà sulla medesima mozione la posizione opposta a quella rappresentata nel terzo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments