NAPOLI – Nella primavera dello scorso anno si apriva un anno ricco di speranze, progetti e sogni: nel maggio del 2024, infatti, la Santa Sede ospitava un grande appuntamento dedicato alla fondazione pontificia Scholas Occurrentes, organismo nato nel 2001 in Argentina come risposta alla crisi politica, economica e sociale del Paese e poi diffuso in tutto il mondo grazie al contributo dell’allora arcivescovo Jorge Mario Bergoglio. Proprio Papa Francesco aveva salutato l’incontro di Scholas rispondendo alle domande di giovani e anziani di ogni angolo del pianeta.

In prima fila, a sostegno di Scholas, si era posto il Comune di Napoli, che aveva preso parte all’evento da autentico protagonista: l’Assessora alla Scuola Maura Striano – in visita da Papa Francesco in Vaticano – aveva consegnato il documento ufficiale che dava vita al progetto Napoli Città Educativa. Al termine del faccia a faccia con il Santo Padre, la Striano condivise un personale ricordo con i giornalisti: “Quando sono andata a salutare il Papa, il Pontefice mi ha detto: ‘Assessore, mi saluti la cosa più bella di Napoli, i napoletani’!”.

GIOVEDÌ 30 MAGGIO 2024 – DALLE 9.30 ALLE 11.30 – la Sala Giunta del Comune di Napoli, nella sede istituzionale di Palazzo San Giacomo, accoglierà Josè Maria Del Corral, Presidente mondiale di Scholas Occurrents, e ospiterà le scuole di Napoli, gli Atenei campani e le aziende che hanno sostenuto il progetto Napoli Città Educativa nell’ultimo anno.

Nell’arco di circa dodici mesi vissuti nel territorio partenopeo, Scholas ha promosso attività volte a favorire il corretto sviluppo dei giovani e prevenire situazioni di disagio attraverso progetti educativi di sport, arte, cultura, tecnologia, inclusione sociale, rispetto e tutela dell’ambiente.

La giornata del 30 maggio vedrà la presenza dell’Assessora del Comune di Napoli Maura Striano, di Don Vittorio Sommella (parroco della Cattedrale di Napoli), di alcune aziende campane che hanno sostenuto le attività di Scholas e di numerose istituzioni territoriali.

Nel corso dell’incontro di giovedì 30 maggio, saranno presenti alcune scuole di I grado del territorio napoletano – la ‘Radice Sanzio Ammaturo’, la ‘Pascoli 2 Caro Perlingieri’, la ‘Russo Montale’ e la ‘Pertini Don Guanella’ – e alcune scuole di II grado come l’Istituto ‘Mercalli Sbordone’, il ‘Duca di Buonvicino’ e il ‘Fermi Gadda’.

Rappresentanti delle Università degli Studi di Napoli “Federico II”, “Parthenope”, “Suor Orsola Benincasa” e l’Accademia delle Belle Arti di Napoli saranno presenti all’evento. Nell’arco della mattinata sarà presentato il cortometraggio nato in seno al progetto di laboratorio cinematografico condotto dalla scuola ‘Duca di Buonvicino’ e saranno previsti gli interventi della professoressa Valeria Oriano (docente partecipante al laboratorio di Service Learning con il Professor Italo Fiorin) e degli studenti di Giovanni della MonicaRosaria d’AntonioGabriele EspositoMaria Carla Ponticelli e Alessia Persico, che illustreranno una serie di progetti condotti nell’ultimo anno nel segno di Scholas Occurrentes.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments