NAPOLI – Far diventare le “Acque sorgive del Golfo di Napoli” patrimonio dell’Unesco. Se ne è discusso a margine di una conferenza stampa organizzata alla Galleria Borbonica per presentare il Comitato Promotore.

A far decidere di perorare la causa delle acque partenopee ci sarebbero diversi motivi.

Il primo riguarda la loro unicità e le loro particolarità organiche organolettiche e nutritive ma anche curative.

Il secondo la loro influenza nell’evoluzione socio culturale e del paesaggio.

Il terzo la loro incidenza sulle strutture idrauliche dei paesi del Golfo di Napoli capolavoro del genio creativo dell’uomo ed esempio tangibile di alta ingegneria idraulica perfezionata nel tempo.

Marco Minin responsabile della Galleria Borbonica ai nostri microfoni spiega il perchè di questa decisione.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments