NAPOLI – Questa mattina la conferenza stampa di presentazione della nuova edizione presso la Sala Nassirya del Consiglio Regionale della Campania, alla presenza delle dieci scuole che parteciperanno al quiz culturale dell’emittente regionale campana.

Il format tv è molto più di un programma televisivo, ma un volano di cultura che intende valorizzare la figura del celebre favolista giuglianese e il suo territorio come sottolineato dai relatori. Ad ospitare la presentazione è stato il Consiglio Regionale della Campania che nella persona del consigliere regionale e capogruppo Giovanni Porcelli, sostiene l’iniziativa. “Per troppi anni Basile è stato bistrattato – dichiara Porcelli – e tutti noi dobbiamo fare di più per chi ha dato lustro a un’intera comunità e inventato quelle che ancora oggi sono fiabe che appassionano bambini e adulti”.

Il direttore di Teleclubitalia Giovanni Francesco Russo ha passato in rassegna le diverse edizioni che partono dall’idea di Anna Pia Oranges e ha sottolineato il valore formativo che ha il progetto rivolto alla platea scolastica.

A sostenere “C’era una Volta” diversi partner, tra cui il Parco Commerciale Grande Sud che ogni anno diventa la location delle sfide tra scuole e che sposa con entusiasmo il programma, come espresso dal direttore Fabio Santoro.

Previste undici puntate in cui le scuole si sfideranno in un viaggio attraverso le fiabe tratte dall’opera di Basile “Lo Cunto de li Cunti”. In palio per la squadra vincitrice ci saranno mille euro di libri mentre La Scugnizzeria di Melito donerà al secondo classificato una fornitura di testi dal valore di 500€, proprio come ricordato da Rosario Esposito La Rossa, patron della casa Editrice Marotta e Cafiero.

Novità di quest’anno è l’altro concorso indetto a corredo di “C’era una Volta” ovvero “Una fiaba per C’era Una Volta”. Gli alunni delle scuole medie di tutta la Regione potranno partecipare presentando un elaborato del genere fiabesco e vincere 500€ messi in palio dai Lions Partenope Palazzo Reale. La presidentessa ha infatti ricordato quanto sia importante l’impegno e la dedizione alla cultura e ha sottolineato l’importanza di creare una cattedra universitaria di letteratura napoletana.

Il programma andrà in onda a metà marzo. Accanto alla conduttrice e autrice Carmen Cadalt, ci sarà Domenico Fontanella che sarà il garante delle sfide oltre ad avere il ruolo di divulgatore di dettagli inediti sul Basile nel corso della trasmissione. Proprio il noto avvocato Fontanella durante la presentazione ha ricordato come “in un periodo in cui si è parlato tanto della lingua napoletana a Sanremo, l’inventore della fiaba scriveva appunto in napoletano e le più importanti fiabe note in tutto il mondo sono proprio nate nella nostra lingua”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments