NAPOLI – L’elettronica al servizio del benessere e di uno stile di vita più sano: gli smartwatch di Techmade arrivano in Farmacia. Lo smartwatch è un buon alleato quotidiano per seguire abitudini di vita improntate al benessere e alla salute: parte da questa considerazione la scelta di Techmade, azienda italiana nel campo della produzione di tecnologia di consumo, di portare per la prima volta gli smartwatch nelle farmacie italiane.

Da oggi gli smartwatch Techmade disegnati e progettati in Italia, saranno disponibili per le migliori farmacie italiane. La linea dedicata a salute e benessere sarà ufficialmente presentata a Napoli il 25 novembre in occasione di Pharmexpo, il Salone dell’industria farmaceutica giunto alla XIV edizione.

L’italiana Techmade, da oltre 10 anni nel mercato dei dispositivi tecnologici da polso, è da sempre stata pioneristica nella esplorazione dei canali distributivi: per prima è approdata nelle gioiellerie con diverse collezioni smartwatch. Ora è la volta delle Farmacie, uno scenario che oggi conta in Italia oltre 22mila punti vendita tra farmacia e parafarmacie.

 

“La maggior parte degli italiani non sfrutta tutte le potenzialità di uno smartwacth, soprattutto quelle in ambito benessere e salute. Il nostro impegno negli ultimi anni è incentrato proprio in questa direzione perché crediamo nel prodotto come utile alleato per un corretto e più sano stile di vita”, spiega Mario de Sena, amministratore e fondatore di Techmade.

 

“I modelli in vendita in farmacia hanno tutti un rapporto qualità/prezzo imbattibile, dunque sono democratici, alla portata di tutti, e consentono di monitorare parametri come il battito cardiaco, la pressione arteriosa, di impostare obiettivi di movimento.  Sono in corso processi di certificazione per i nostri dispositivi e siamo in contatto con la comunità medica perché a breve lanceremo il nostro primo smartwatch in grado di effettuare un eco-cardiogramma a un tracciato” prosegue Lorenzo Falcolini, Director of Sales and Business Development di Techmade che precisa“Lo scopo di questi dispositivi non è quello di sostituire i medici, né di fare diagnosi, bensì di stimolare comportamenti virtuosi come ad esempio una giusta e costante attività motoria”.

Tutti i modelli Techmade sono progettati in Italia da una equipe di designer con un occhio di riguardo  ad estetica e stile: sono disponibili decine di colorazioni e accessori intercambiabili come i cinturini, in vendita in materiali e colorazioni differenti, dal glitter al silicone, al metallo.

I modelli Techmade disponibili in farmacia sono: Hava, Steps e Move.

Le principali funzioni degli smartwatch registrati in Farmadati, leader in Italia nel settore delle banche dati sanitarie riguardano:

La rilevazione di parametri vitali:

battito cardiaco, livello di saturazione nel sangue, (SpO2), pressione arteriosa, i cicli del sonno, resoconto del ciclo mestruale;

Il tracciamento e la misurazione di parametri relativi all’attività fisica come:

durata, distanza, calorie bruciate, dislivello;

 

L’estensione di funzioni dello smartwatch sul dispositivo:

notifiche, musica, chiamate telefoniche, messaggi, navigazione GPS, fino a micro-app che intergaiscono con lo smartwatch.

A completamento della gamma proposta, in arrivo nei prossimi mesi lo smartwatch che sarà in grado di registrare un ECG a una derivazione, la frequenza respiratoria e la temperatura coorporea.

 

Tutti i modelli si connettono ad una app sullo smartphone che consente di consultare e condividere i propri dati con altri.

Techmade Srl è un’azienda italiana specializzata nel settore dell’information technology, & consumer electronics nasce in Campania nel 2005 dall’idea di progettare, produrre e commercializzare accessori per computer. Nel 2014 è stata avviata la produzione degli smartwatch.

Techmade è stata la prima azienda italiana a inserire gli smartwatch nel settore gioielleria.

Da oltre 15 anni soddisfa le esigenze dei clienti con prodotti tecnologici affidabili, di alta qualità e convenienza. Negli ultimi anni, la vision di Techmade l’ha portata a definire le basi di quello che è il più ambizioso dei progetti in essere: sfruttare le competenze acquisite nell’ambito della tecnologia di consumo per contribuire a migliorare la qualità della vita. Utilizzare sempre di più l’innovazione digitale come alleato del benessere.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments