NAPOLI – Al via oggi la PharmaTech Academy, l’innovativo percorso di formazione dedicato ai farmaci RNA presso il nuovo polo dell’Università Federico II – Scuola di Medicina e Chirurgia a Scampia. Trenta laureati magistrali provenienti da molte regioni italiane hanno avviato questa mattina un corso intensivo di otto mesi, con una durata fino a giugno 2024, totalizzando 1200 ore di formazione.

L’obiettivo dall’Academy è la creazione di una nuova generazione di professionisti altamente qualificati, pronti a contribuire attivamente in ambiti della ricerca e produzione di farmaci basati sull’RNA e terapie geniche.
Nel processo di selezione, laureati magistrali in diverse discipline hanno partecipato al bando di ammissione. Ogni allievo selezionato beneficerà di una borsa di studio, il cui valore varia tra 1.500 e 6.000 euro, a seconda della loro provenienza geografica. I partecipanti arrivano da Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e Sicilia, ma le candidature sono pervenute anche da Basilicata, Marche, Piemonte e Puglia, per un percorso che ha attratto l’attenzione di laureati di ogni parte d’Italia.

L’esperienza formativa è iniziata con la prima lezione e prevede una programmazione intensa durante l’intera giornata, tenuta presso il Polo Federico II a Scampia. Il metodo di insegnamento adottato si basa su un approccio teorico-pratico, dove gli studenti affronteranno sfide reali proposte dalle aziende coinvolte, e parteciperanno a sessioni di workshop incentrate su temi specifici legati al mercato del lavoro.

La PharmaTech Academy ha la sua sede al secondo piano del complesso di Scampia, che offre un nuovo spazio di circa 900 metri quadrati in grado di accogliere fino a 75 studenti.

Le aule sono state concepite in modo innovativo, incoraggiando il lavoro di gruppo con tavoli di lavoro. Inoltre, è prevista un’area di 40 metri quadrati attrezzata con divani, tavoli, e una piccola cucina, seguendo una visione “americana” in linea con gli obiettivi di sostenibilità dell’Università Federico II.

La formazione sarà arricchita da laboratori di tecnologia all’avanguardia, forniti da vari partner del Centro Nazionale, per fornire ai partecipanti competenze nelle moderne tecnologie della medicina basata sull’RNA e delle terapie genetiche. Saranno utilizzati anche laboratori di realtà estesa per esperienze immersive.

Il percorso formativo culminerà con tirocini presso uno dei partner del National Center.

DICHIARAZIONI

Gaetano Manfredi, Sindaco di Napoli: “La PharmaTech Academy è una straordinaria opportunità di crescita. È la prima Academy in Italia sui farmaci RNA, un progetto che coinvolge diversi partner ed aziende del settore, e parte da Napoli, da Scampia. Il nuovo polo universitario della Federico II a Scampia si conferma laboratorio innovativo e luogo ideale per la sperimentazione e l’avvio di progetti formativi. Il corso intensivo darà spazio a giovani laureati provenienti da tutta Italia e offrirà l’opportunità di condividere conoscenze ed esperienze in ambito farmaceutico. Sono felice che il progetto parta da Scampia, un polo universitario con enormi potenzialità e in continua crescita, parte di un lungo lavoro di riqualificazione del quartiere e dell’intera area nord della città”.

Matteo Lorito, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II: “Il notevole successo dell’Ateneo federiciano sui bandi PNRR si sostanzia oggi anche con l’attivazione della nostra dodicesima Academy. Si tratta di una iniziativa dedicata alla formazione avanzata nel settore farmaceutico, la prima che andrà a sostenere l’attività di ricerca che stiamo implementando nel nuovo complesso di Scampia, che a breve accoglierà la visita del Presidente della Repubblica”.

Ugo Trama, Dirigente Servizio farmaceutico Regione Campania: “La PharmaTech Academy contribuisce a consolidare le condizioni per lo sviluppo di una economia ad alta intensità di conoscenza, di competitività e di attrattività per gli investimenti dell’industria farmaceutica nella Regione attraverso, quindi, progetti di formazione professionalizzante. Questo progetto va nella direzione delle attività fortemente sostenute dal presidente De Luca la cui idea politica è particolarmente sensibile al valore dell’innovazione. In questo contesto, infatti, diverse sono le attività messe in campo dalla Regione Campania. Tra quelle più importanti emerge l’approvazione, a valere sui fondi PR-FESR, di 34 milioni di euro da destinare alla realizzazione di attività di ricerca e innovazione nel campo delle Malattie Rare promosse da Organismi di ricerca e diffusione della conoscenza (circa 50 progetti finanziati)”.

Rosario Rizzuto, Presidente Fondazione National Center for Gene Therapy and Drugs based on RNA Technology: “La sfida dell’innovazione nel campo della salute si fonda non solo sulla qualità della ricerca ma anche sulla formazione del capitale umano, vero patrimonio di una nazione. Per questo il Centro Nazionale ha voluto lanciare tra le sue attività un grande programma di formazione di giovani e aggiornamento dei professionisti, e collocarlo a Napoli in una nuova splendida struttura costruita e messa a disposizione dall’Università Federico II. Siamo felici oggi di inaugurarla, sicuri che chi oggi con entusiasmo si è iscritto ai corsi della PharmaTech Academy sarà domani il motore della competitività del Paese in un’area tecnologica di grande impatto economico e sociale”.

Angela Zampella, direttore del Dipartimento di Farmacia e Responsabile Scientifico per Federico II del progetto PNRR «National Center for Gene Therapy and Drugs based on RNA Technology»: “Un’iniziativa ambiziosa che è parte integrante del progetto PNRR, con l’Università di Padova quale soggetto promotore e realizzato dall’Università Federico II in qualità di spoke per la tematica «Platforms for RNA/DNA delivery». Il National Center riunisce circa cinquanta prestigiosi partner, sia enti pubblici che privati, distribuiti sull’intero territorio nazionale e siamo orgogliosi di essere la prima scelta per l’affidamento di questo importante progetto”.

Bruno Catalanotti, docente di Chimica Farmaceutica Biotecnologica della Federico II e coordinatore dell’iniziativa: “Il corso si dividerà in tre fasi: formazione soft skills, formazione verticale sui farmaci e aspetto pratico articolato su laboratori di alta formazione e tirocini. L’obiettivo è quello di creare a Napoli un’esperienza formativa unica nel modo farmaceutico biotecnologico. Un percorso di studio immersivo, co-progettato con le aziende partner per completare la preparazione accademica dei neolaureati con competenze altamente professionalizzanti sia di natura personale che tecnica”.

Per maggiori informazioni:
www.unina.it/ateneo/pharmatech_academy

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments