monaldi

NAPOLI – Sono 2514 i nati prematuri in Campania nel 2021 su 44.275 parti, di questi 354 i bambini nati addirittura prima della 32esima settimana di gestazione. Sono i dati campani che spiegano l’importanza dei reparti di Terapia intensiva neonatale e fanno comprendere le ragioni per le quali l’Azienda Ospedaliera dei Colli ha scelto di proporre per il 17 novembre, Giornata mondiale della prematurità, un percorso straordinario che consentirà ai nonni di accedere alla TIN dell’ospedale Monaldi vedendo per la prima volta i loro nipotini ricoverati. Le visite saranno possibili nelle giornate di giovedì e venerdì e avverranno nel rispetto di tutti i protocolli anti Covid.

«I percorsi di cura dei neonati prematuri non possono prescindere dal tener presente l’importanza di momenti di condivisione familiare. Dare ai nonni la possibilità di incontrare per la prima volta i nipotini ricoverati è importantissimo anche per dare ai genitori la forza necessaria per affrontare il ricovero che, spesso, si protrae per un lungo periodo» spiega Giovanni Chello, direttore dell’Unità operativa complessa di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale dell’Azienda Ospedaliera dei Colli.

«Quest’anno, per la prima volta, si è deciso di aprire le porte ai nonni come segno di grande attenzione all’umanizzazione delle cure, un’iniziativa straordinaria che, però, è nostra volontà ripetere con cadenza periodica perché crediamo che le terapie intensive debbano essere luoghi di cura sempre più aperti ai familiari» dichiara Anna Iervolino, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera dei Colli.

«L’equipe della Terapia intensiva neonatale del Monaldi – aggiunge il direttore – in quasi 30 anni di attività, si è specializzata con un approccio multidisciplinare nella cura di piccoli pazienti affetti soprattutto da patologie cardiologiche, grazie anche alla presenza di un percorso completo che prevede, all’interno dell’Ospedale Monaldi, anche la cardiologia e la cardiochirurgia pediatrica, nel trattamento dell’ipertensione polmonare del neonato e nel trattamento ipotermico per la neuroprotezione».

I neonati gravemente prematuri possono presentare negli anni disturbi cognitivi che necessitano, dopo la dimissione, di una presa in carico che metta a disposizione diverse figure professionali che seguano i piccoli nel tempo. Non a caso, nel 2021, al Monaldi sono state 1.500 circa le prestazioni ambulatoriali di follow up effettuate e 120 i Day Hospital.

Proprio per tenere alta l’attenzione sulle problematiche connesse alla gestione dei neonati pretermine, sempre nella giornata di giovedì 17, dalle 9.30, presso l’aula Magna dell’Ospedale Monaldi, si terrà la quarta edizione del convegno “La Salute del Neonato – M’illumino di viola” un confronto tra i professionisti sanitari dell’area neonatale e pediatrica e le famiglie dei bambini assistiti.

Per l’evento, a cui parteciperanno anche alcuni ex pazienti della Tin e i loro genitori, inoltre, sarà allestita la mostra fotografica “Da piccoli guerrieri… a grandi campioni” e sarà dedicato spazio ai racconti di chi ha vissuto l’esperienza del ricovero presso la neonatologia del Monaldi in un momento di profonda condivisione.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments