NAPOLI – È pronto il Centro Vaccinale della Asl Napoli 1 nei padiglioni 1 e 2 della Mostra d’Oltremare che inizia da domani il lavoro per la vaccinazione della città di Napoli contro il Covid19.

Da domani mattina i sanitari che restano da sottoporre verranno convocati nel polo fieristico di Fuorigrotta.

Il via avviene con i 15 box che vedranno impegnati 60-70 persone dell’Asl, con 15 infermieri e 15 operatori sociosanitari impegnati nelle vaccinazioni, 5 farmacisti che estrarranno le sei dosi da ogni flacone per preparare le siringhe.

Coloro che si sottoporranno al vaccino entrano da Piazzale Tecchio, si registrano ai 10 desk all’ingresso e poi scendono verso i box vaccini, alle spalle dei quali c’è l’ufficio con il frigorifero per le dosi.

VACCINAZIONE COVID, IOVINO(IV): “INSERIRE I DENTISTI TRA LE PRIORITÀ”

“Gli odontoiatri che operano negli studi privati devono essere inseriti tra i professionisti del settore sanitario ai quali va somministrato il vaccino in via prioritaria. E’ evidente, infatti, che sono proprio i dentisti che, data la specificità dell’attività professionale, sono quelli maggiormente a contatto con i pazienti che, per ovvie ragioni, non possono indossare la mascherina. Auspico che, in linea con l’ottimo lavoro fin qui svolto dal Governo regionale e dalla V Commissione sanità, questa richiesta possa essere opportunamente e prontamente valutata.” E’ quanto scrive il consigliere regionale Francesco Iovino in una nota indirizzata al Presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, e al Presidente della Commissione Sanità, Enzo Alaia.

“Sono tanti i liberi professionisti – aggiunge il consigliere di Italia Viva – che in queste settimane stanno facendo fronte comune con il Sistema Sanitario nella lotta al Covid. Non soltanto i dentisti, ma anche i farmacisti si trovano in una condizione di particolare rischio dato il numero considerevole di contatti quotidiani. E’ necessario, pertanto, che questi trovino un’adeguata tutela al pari di chi opera nel settore pubblico e possano essere vaccinati quanto prima.”

“C’è in noi, ovviamente, la piena consapevolezza di quanto sia delicata la fase che stiamo affrontando e quanto siano complessi i problemi legati alla diffusione del vaccino. Ma nel contempo c’è la massima fiducia nell’azione del Presidente De Luca e della V Commissione Sanità che hanno già dato prova di efficienza e sensibilità. Siamo certi – chiude Iovino – che anche la posizione di odontoiatri e farmacisti verrà adeguatamente considerata.”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments