LONDRA – Covid, la nuova variante sia “più facile da trasmettere” e potrebbe essere alla base della più rapida diffusione del virus a Londra e nel sud-est dell’Inghilterra. Secondo Hancock, almeno 60 diverse autorità locali in Inghilterra hanno segnalato infezioni con la nuova variante. Sarebbe “più di 1.000 casi”. “Le analisi iniziali suggeriscono che questa variante sta crescendo più velocemente delle varianti esistenti”, afferma. L’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe stata informata. Tuttavia, secondo il ministro, non c’è motivo di presumere immediatamente che la nuova variante provocherebbe una forma più grave di Covid-19 o che i vaccini già sviluppati non funzionerebbero contro di essa. Non è la prima volta che viene scoperta una nuova variante del virus corona. I virus mutano costantemente e questo non è diverso nel caso del nuovo virus corona. È il motivo per cui, ad esempio, dobbiamo essere vaccinati contro l’influenza ogni anno. Tutavia, secondo gli esperti, una nuova variante del coronavirus non dovrebbe rappresentare un problema per i vaccini che vengono sviluppati. “Il virus si attacca alle nostre cellule tramite proiezioni, i cosiddetti” picchi “. Puoi confrontare un tale picco con un fungo, che consiste in un berretto e un gambo. La variazione è nello stelo, mentre il vaccino e gli anticorpi sono principalmente mirati al tappo “, ha detto. Una settimana fa, il Regno Unito ha iniziato a somministrare i primi vaccini contro il coronavirus, dopo essere diventato il primo paese al mondo ad approvare il vaccino corona di Pfizer / BioNtec. L’onore è andato a Margaret Keenan, 90 anni, dell’Irlanda del Nord.Hancock ha continuato dicendo in Parlamento che pub, ristoranti, hotel, cinema, teatri e musei a Londra e in parti del sud-est dell’Inghilterra dovranno chiudere. Le regioni si stanno spostando al livello di allarme più alto dopo che il numero di infezioni corona è nuovamente aumentato enormemente. Secondo la BBC, le nuove misure entreranno in vigore da mercoledì a mezzanotte. Le scuole, i negozi, i saloni di bellezza e i saloni di parrucchiere possono rimanere aperti. Chi può dovrebbe, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, lavorare il più possibile da casa e la popolazione dovrebbe evitare spostamenti non essenziali. I contatti sociali sono limitati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments