NAPOLI – Il Ministero dell’Interno con proprio decreto del 27 aprile 2022 ha approvato il finanziamento dei Piani Urbani Integrati (PUI) della Città Metropolitana di Napoli a valere su fondi del PNRR, per oltre 351 milioni di euro.
Su impulso del Sindaco Metropolitano, Gaetano Manfredi, la procedura di definizione dei PUI è partita dal coinvolgimento di tutti i Comuni dell’area metropolitana, suddivisi per zone omogenee. A seguito di delibera sindacale n. 01 del 18.01.2022 è stata infatti avviata una Manifestazione di interesse volta a raccogliere le progettualità dei Comuni, approvata con determina n. 517 del 22.01.2022 della Direzione Piano Strategico.
A valle della procedura di selezione e di concertazione attuata con i Comuni, nonché mediante il confronto con il Ministero dell’Interno, sono stati definiti i contenuti dei 6 Piani Urbani Integrati i quali prevedono la realizzazione di 65 interventi nell’ambito di 54 Comuni dell’area metropolitana, da concludersi entro marzo 2026.
Gli interventi previsti per ogni zona seguono strategie e tematismi univoci e coerenti con le finalità della Missione 5 del PNRR “Coesione e Inclusione”, e spaziano dalla rigenerazione dei quartieri di edilizia residenziale pubblica, alla mobilità sostenibile, alla costruzione strutturale e funzionale di progetti “a rete” di verde pubblico, spazi legati al benessere, alla cultura e allo sport.

Grande soddisfazione è stata espressa dal Sindaco Metropolitano Manfredi: “Per lo straordinario lavoro di raccordo creato tra i comuni dell’area metropolitana e gli uffici interessati”
“Lo studio realizzato da Ance in Camera di Commercio – ha proseguito il Sindaco – segue correttamente il metodo da utilizzare nella pianificazione ovvero ragionare in termini di area metropolitana. I comuni più piccoli infatti devono essere sostenuti per migliorare la rispettiva capacità amministrativa. Stiamo lavorando in questo senso. Tanto è vero che sono stati approvati progetti per 351 milioni di euro sui Piani urbani integrati: molti pensavano che questi Comuni non sarebbero stati in grado di cogliere la sfida, invece ci siamo riusciti ed ora dobbiamo vincere nella capacità di attuare i progetti di trasformazione urbana”.
I 6 Piani Urbani Integrati della Città Metropolitana, tutti ammessi a finanziamento dal Ministero competente, sono così definiti:

Zona Omogenea 1 “Napoli”
PUI 1a – Comune di Napoli
€ 70.000.000
PUI 1b – Comune di Napoli
€ 52.000.000

Zona Omogenea 2 “Flegrea Giuglianese”
PUI 2 – Comuni di: Bacoli, Giugliano, Monte di Procida, Pozzuoli, Procida, Qualiano, Quarto, Villaricca
€ 52.509.628,41

Zona Omogenea 3 “Napoli Nord”
PUI 3 – Comuni di: Acerra, Afragola, Arzano, Caivano, Cardito, Casandrino, Casavatore, Casoria, Crispano, Frattamaggiore, Frattaminore, Grumo Nevano, Melito di Napoli

€ 52.952.069,16

Zona Omogenea 4 “Interno Vesuvio-Nolano”
PUI 4 – Comuni di: Brusciano, Casalnuovo di Napoli, Cimitile, Liveri, Marigliano, Palma Campania, Pollena Trocchia, Pomigliano d’Arco, San Paolo Belsito, San Sebastiano al Vesuvio, San Vitaliano, Scisciano

€ 52.716.695,61

Zona Omogenea 5 “Costa Vesuvio-Sorrentina”
PUI 5 – Comuni di: Agerola, Boscoreale, Boscotrecase, Castellammare, Ercolano, Gragnano, Lettere, Massa Lubrense, Meta, Piano Di Sorrento, Pompei, Portici, San Giorgio a Cremano, Santa Maria La Carità, Sant’Agnello, Sant’Antonio Abate, Sorrento, Torre Annunziata, Torre del Greco, Trecase, Vico Equense

€ 70.972.163,24

I Comuni interessati dagli interventi e la Città Metropolitana di Napoli sono ora chiamati a sottoscrivere l’atto di adesione ed obbligo e ad assumere ogni impegno necessario per concludere le opere nei tempi previsti dal PNRR.
[14:06, 28/4/2022] Domenico Pennone: vedi se va b

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments