La commissione Qualità della Vita sugli interventi per garantire decoro alle strade cittadine

0
14
Concorso-al-Comune-di-Napoli

NAPOLI – Nella riunione presieduta da Francesco Vernetti il punto sulle misure necessarie ad assicurare e mantenere la pulizia nelle aree circostanti le campane della raccolta differenziata stradale. Sono intervenuti il direttore generale dell’ASIA Francesco Mascolo e il direttore Ricerca innovazione e sviluppo dell’azienda Paolo Stanganelli.

Diversi i punti di criticità in città legati alle mini discariche di materiali abbandonati che si riformano ciclicamente sempre nelle stesse strade e quelli connessi alla raccolta differenziata effettuata attraverso i contenitori stradali, ha spiegato il presidente Vernetti introducendo i lavori.

Il posizionamento dei contenitori per la raccolta stradale, inoltre, andrebbe rivisto in diversi punti della città, dove si riscontrano cassonetti o campane in prossimità di attraversamenti pedonali, incroci o fermate dell’autobus.

Il tema, ha spiegato il direttore generale dell’azienda di igiene urbana Mascolo, incrocia una serie di aspetti connessi all’organizzazione del sistema di raccolta e all’impossibilità di utilizzare ovunque, come sarebbe più conveniente per le esigenze aziendali e per quelle del cittadino, la modalità del porta a porta.

Il sistema di raccolta stradale resta, per diverse zone della città, l’unica opzione percorribile in base alla morfologia e alle caratteristiche del territorio. Il sistema misto comporta, così, l’esigenza di utilizzare le campane della differenziata e i cassonetti per il conferimento dell’indifferenziato che vengono spostati dai luoghi originari per sistemare veicoli o per occuparne lo spazio per altre attività.

Invece che prevedere sistemi di ancoraggio dei cassonetti, che rischierebbero di essere danneggiati durante le operazioni di svuotamento in mancanza del giusto spazio di manovra per i mezzi, si è preferito sperimentare, con buoni risultati, alcune tipologie di contenitori con carichi laterali e calotta calibrata, difficili da spostare a causa del loro peso.

Nel corso di quest’anno, nel nuovo contratto di servizio, è stato poi predisposto, e verrà testato in alcune zone, un modello sperimentale di accesso ai bidoni attraverso un’apposita card, ai fini della predisposizione della tariffa puntuale, che tiene conto nella determinazione della somma da pagare della quantità di materiale conferito.

Prendendo spunto dalle osservazioni di diversi consiglieri – Esposito (Partito Democratico), che ha definito inammissibile la situazione delle campane della differenziata non svuotate e non interessate da interventi di bonifica dell’area circostante, Frezza (Misto), che ha denunciato la difficile situazione dei territori cittadini posti al confine con aree servite dal porta a porta, che vengono invasi dal deposito di materiali nei contenitori stradali – il direttore generale di ASIA ha ribadito le difficoltà sorte all’inizio dello scorso anno a causa della difficoltà di conferimento di tutti i materiali differenziati.

Il problema, non solo locale ma nazionale, ha determinato la necessità di rivedere in aumento i contratti stipulati dall’azienda per lo smaltimento dei materiali, con piani di azione in continuo divenire a fronte dell’aumento della raccolta differenziata. Per questo, si è anche provveduto all’adeguamento della flotta dedicata, che conta in totale 45 mezzi per lo svuotamento dei contenitori stradali, alla previsione di un numero adeguato di personale addetto alla guida dei mezzi e alla migliore organizzazione del lavoro.

Un aiuto, in questo senso, può venire dalla tecnologia, che mette a disposizione un sistema utile a rilevare da remoto la quantità prelevata e i tempi di raccolta, così da consentire di definire i percorsi in base alle frequenze di prelevamento. Per il personale addetto alla pulizia dell’area circostante i contenitori, infine, si punta ad aumentarne il numero, dagli attuali due equipaggi a cinque.

Un numero esiguo a fronte delle duemila campane stradali e delle settantacinque interessate ogni giorno dalle operazioni di pulizia, ma che va ricondotto al tema molto più ampio della necessità di integrare le risorse umane attuali – 2120 interne affiancate da 180 operatori CUB e da 26 unità distaccate dalle Terme di Agnano – con nuovi innesti di personale.

Infine, sempre rispondendo a quesiti del consigliere Esposito sul tema della raccolta dei cartoni e della mancanza di personale per le spazzatrici a Napoli est, Mascolo ha assicurato l’imminente arrivo dell’autista necessario a garantire l’utilizzo dei mezzi meccanici e ha informato delle nuove previsioni del nuovo bando di gara per la raccolta dei cartoni, attualmente in fase di verifica amministrativa sulle imprese offerenti. Le nuove indicazioni prevedono, in particolare, la necessità di un maggior numero di prelievi nei giorni festivi e più servizi di riassetto, in alternativa ad una raccolta concordata con i singoli esercizi commerciali “su misura” delle diverse esigenze di conferimento.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami