partito_democratico-spezzato

NAPOLI – Sono due donne le persone indagate dalla procura di Napoli con l’ipotesi di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione elettorale. Si tratta di Anna Ulleto, candidata Pd al Consiglio comunale, e di Rosaria Giugliano, candidata per la municipalità Mercato-Pendino, nel centro storico di Napoli.

La Ulleto ha ottenuto circa 2.200 voti e quindi sarebbe risultata quasi certamente eletta (l’attribuzione dei seggi avverrà solo dopo il ballottaggio alla luce dell’eventuale premio di maggioranza se uno dei due candidati superasse il 60 per cento). Anna Ulleto, una delle due indagate dalla procura di Napoli con l’ipotesi di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione elettorale, era stata candidata del Pd anche alle regionali dello scorso anno, ottenendo 7.714 preferenze che non le furono sufficienti per entrare in Consiglio. 46 anni, la Ulleto è vicepresidente di una onlus, la cooperativa sociale “Mondo Nuovo” e – come si legge dalla sua biografia pubblicata all’epoca delle regionali sul sito del Pd Campania – “si occupa nel ruolo di coordinatrice della gestione del Banco delle Opere di Carità per famiglie indigenti”.Alle ultime amministrative Ulleto e l’altra indagata, Rosaria Giugliano (candidata alla municipalità Mercato-Pendino, nel centro storico della città), avevano corso in tandem, presentandosi insieme in vari appuntamenti elettorali e in interviste su emittenti localiLe perquisizioni eseguite dai carabinieri nei confronti di due candidati del Pd alle amministrative di Napoli non sono avvenute nella sede del partito, come si era appreso in un primo momento, ma presso le abitazioni e le sedi dei comitati elettorali dei due esponenti politici.“Il Pd di Napoli darà la massima collaborazione alle autorità inquirenti nelle operazioni di verifica di eventuali illeciti legati alle operazioni elettorali”, assicura il segretario metropolitano Venanzio Carpentieri. “Se saranno riscontrati i fatti su Napoli riportati dalle agenzie di stampa, il Pd sarebbe parte lesa rispetto a certi comportamenti. Auspico che la magistratura faccia il più presto possibile chiarezza su una vicenda che, se provata, va condannata e punita senza se e senza ma”. Lo afferma in una nota Debora Serracchiani, vice segretario del Pd, commentando le perquisizioni a Napoli nelle abitazioni di due candidati Dem.”Se la magistratura dovesse accertare la veridicità dei fatti riportati dagli organi di stampa, il Partito democratico sarebbe parte lesa in questa vicenda”. Così il segretario regionale del Pd Campania, Assunta Tartaglione. “Come abbiamo sempre fatto – aggiunge Tartaglione – siamo al fianco della magistratura, auspichiamo che la vicenda venga chiarita al più presto e che eventuali responsabilità vengano perseguite con la massima fermezza”.(ANSA)


0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments