NAPOLI – Ripristino funzionalità dei sentieri, rimozione alberature pericolanti, pulizia e messa in sicurezza delle aree attrezzate, decespugliamento e riordino dei luoghi di ritrovo. Sono questi i lavori messi in campo dalle squadre della Sma, società in house della Regione Campania, nell’ambito del progetto di riqualificazione finalizzato alla fruizione e al riutilizzo del Patrimonio Campano.
Nel 2020 l’Oasi del Voscone fu vittima di un violento incendio che ne causò la chiusura. Per poter recuperare tutte le aree si è dovuto procedere al recupero in molti ambiti: paesaggistici-ambientali e propriamente strutturali, questo ha comportato dei tempi più lunghi per il ripristino di tutti i luoghi. Oggi, anche se i lavori non sono del tutto terminati, il parco ha riaperto ed è stato riconsegnato agli abitanti del luogo e ai tanti turisti che da anni fanno capolino al Fiume Sarno.

Un lavoro ampio che ha visto impegnate diverse squadre – spiegano i membri del Cda Tommaso Sodano, Fiorella Zabatta e Antonio Capasso – ora con l’avvento anche della bella stagione, l’Oasi potrà finalmente ripartire appieno dopo il tragico incendio. Alla vigilia della stagione estiva queste opere manutentive servono anche ad evitare altri incendi. Ridare vita a spazi condivisi, inoltre, è un contributo importante per la comunità e per il turismo della nostra Regione’.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments