NAPOLI – “Il convegno di oggi è stato molto utile per fare il punto della situazione, a distanza di un mese dall’approvazione, sugli effetti della nuova normativa di modifica della legge urbanistica regionale.

Fin dal primo momento abbiamo accolto con favore questa novità, che va in direzione della semplificazione normativa per la redazione dei PUC, rispetto ai quali diversi Comuni sono ancora inadempienti. C’è inoltre una parte innovativa che riguarda la rigenerazione urbana e della quale siamo assolutamente soddisfatti, considerato che una delle nostre istanze è stata proprio quella di avere norme più snelle ed agevoli che consentissero la rigenerazione urbana.

È necessario ora che i Comuni attuino nel modo corretto la norma, e proprio per questo saranno necessari chiarimenti normativi sulla sua applicazione da parte della Regione: anche per questo motivo il convegno è stato utile per fare un punto sulle diverse interpretazioni fornite finora.

È necessario inoltre avere una normativa nazionale che superi quella ormai vetusta soprattutto sul tema della rigenerazione urbana. L’attuale testo, il cosiddetto “piano casa” approvato dal governo nell’ultimo decreto legge, è un topolino partorito dalla montagna: è sicuramente utile a sanare piccoli abusi e va nel senso della ragionevolezza delle norme, tuttavia ci aspettavamo e attendiamo sforzi ben più grandi da parte del Governo. Puntiamo a raggiungere quel famoso obiettivo di “consumo suolo zero”, che ci consenta di poterci riappropriare degli spazi urbani che finora sono stati del tutto inutilizzati per una normativa, appunto, ormai vetusta”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments