Fuochi-dartificio

POZZUOLI – “Faccio ancora una volta appello ai titolari di ristoranti e pubblici esercizi affinché rispettino l’ordinanza che vieta l’esplosione dei fuochi d’artificio nell’arco dell’intera giornata. Il fenomeno purtroppo non accenna a diminuire, anzi, stando alle segnalazioni che ci arrivano e a quanto abbiamo verificato, ci sono esplosioni sul territorio cittadino quasi ogni sera, anche di notte.

Addirittura nei pressi dell’ospedale, dove c’è gente che soffre e che cerca nel silenzio, soprattutto nelle ore notturne, un po’ di sollievo. Anche se è difficile per i tutori dell’ordine individuare e sanzionare i trasgressori, perché bisognerebbe coglierli in flagranza, ho dato disposizione al Comando di Polizia Municipale di intensificare i controlli, anche con l’ausilio delle telecamere di sorveglianza. Saremo vigili e intransigenti nei confronti di coloro che non rispetteranno i divieti”.E’ quanto afferma il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, in presenza di un fenomeno che si ripete con continuità nonostante l’ordinanza numero 134 del 14 settembre 2015. Con questo provvedimento il primo cittadino ha vietato su tutto il territorio comunale, “sia di giorno che di notte”, di accendere fuochi d’artificio, petardi, mortaretti e altro materiale esplodente. Il divieto riguarda anche tutti i ristoranti, bar, stabilimenti balneari, pubblici esercizi o strutture adibite ad attività di svago e ricreazione, che non possono “accendere e/o consentire ai propri ospiti l’accensione dei fuochi d’artificio o altro materiale esplodente… in assenza della preventiva licenza dell’Autorità di Pubblica Sicurezza e della comunicazione preventiva al Comune”.Per i trasgressori l’ordinanza prevede una sanzione da 25,00 a 500,00 euro, mentre la pubblica attività rischia una sospensione da tre a quindici giorni qualora allo stesso esercente vengano contestate due violazioni alle disposizioni contenute nell’ordinanza. Una sanzione di non meno 500,00 euro è prevista anche per chi sporca la pubblica via con “materiali combusti e/o incombusti residuati dalle esplosioni non autorizzate”. Infine, l’accensione non autorizzata di materiali esplosivi e rumorosi comporta l’applicazione delle sanzioni previste dall’articolo 39 del Regolamento Acustico del Comune di Pozzuoli, approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 54 dell’11 giugno 2014.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments