POZZUOLI– Fra l’11 e il 15 settembre 2017 un gruppo formato da 29 frequentatori di corso dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, insieme ad alcuni frequentatori delle Accademie della Marina, della Guardia di Finanza e dell’Esercito, sono stati rischierati presso il distaccamento aeronautico di Nisida per attuare – con il supporto di personale  e mezzi del 16° Stormo di Martina Franca, della Scuola Specialisti A.M. di Caserta e del 9° Stormo di Grazzanise – la fase operativa prevista dal 2° modulo della quarta edizione del progetto di Formazione Integrata alla Leadership, Management e Competenze Aerospaziali (F.I.L.M.C.).

In accordo con lo spirito di innovazione della Forza Armata, il modulo si è costantemente evoluto e migliorato nel tempo attraverso l’esperienza condivisa dai frequentatori delle precedenti edizioni. Questa edizione si è concentrata sulla sperimentazione delle procedure tipiche dell’attività volativa e organizzativa svolta nei Reparti dell’A.M., grazie alla creazione di uno scenario intelligence ad hoc e di un “role play”.

L’obiettivo dell’attività formativa è stato il miglioramento del lavoro di gruppo per la gestione di scenari complessi e continuamente in evoluzione, l’integrazione organizzativa, la diffusione della cultura del rispetto delle regole e l’importanza del coinvolgimento ed impegno personale.

Nello scenario simulato un Reparto di volo dell’Aeronautica Militare – formato da un Gruppo Vela (a similitudine di un Gruppo Volo) – rischierato in un teatro operativo, è incaricato di svolgere mansioni di interposizione tra due fazioni in conflitto. In questo contesto, i frequentatori dell’Accademia sono chiamati a gestire risorse umane ed assetti che, nello specifico caso, sono costituti da natanti a vela che simulano, anche per ragioni di economicità, gli aeromobili.

Ogni giorno l’attività quotidiana è stata illustrata al mattino ed analizzata al termine della giornata, con il confronto tra obiettivi prefissati e raggiunti, analisi delle Lessons learned  per le tre aree di interesse (Leadership, Management e Competenze Aerospaziali) ed eventuali eventi inerenti la sicurezza.

Un team di valutatori, formato da personale altamente specializzato dell’Aeronautica Militare, ha esaminato le prestazioni individuali e del gruppo in quattro specifiche aree di osservazione, ovvero emotività relazionale, gestionale, cognitiva, innovativa, oltre alle dimensioni dell’autocontrollo emotivo e della consapevolezza organizzativa.

A differenza del precedente modulo in cui è stato impiegato un velivolo APR (aeromobile a pilotaggio remoto) reale (classe micro UAV, ovvero del peso inferiore ai 2 Kg), durante questo modulo d’esercitazione, è stato utilizzato un elicottero HH-212 del 9° Stormo di Grazzanise, specializzato nel recupero in mare di superstiti con un’esercitazione di search and  rescue (SAR) che è stata introdotta nello scenario simulato ed effettuata giovedì 14 settembre.

Nel corso della stessa giornata, il Comandante delle Scuole A.M./3^ R.A. Generale di Squadra Aerea Fernando GIANCOTTI, accompagnato dal Generale di Squadra  Aerea Umberto BALDI (suo prossimo successore) e dai Comandanti degli Stormi e degli Enti di formazione dipendenti dal Comando delle Scuole A.M/3^ R.A. hanno potuto confrontarsi, esercitazione durante, proprio sulle innovazioni e le dinamiche formative sperimentate e sviluppate dall’Accademia Aeronautica al fine – dichiarato dallo stesso Gen. Giancotti – di diffondere la stessa metodologia e l’approccio formativo in tutti gli altri Enti del Comando Scuole dell’Aeronautica Militare.

Questa esercitazione deriva dalla missione dell’Accademia Aeronautica di “scegliere, formare ed ispirare comandanti e professionisti esemplari, determinati a servire “in squadra” con eccellenza e dedizione il nostro Paese” che, nella visione dell’Istituto, si consegue soltanto attraverso “una squadra coesa di personale militare e civile, tesa al miglioramento continuo, che per capacità, impegno e senso etico di ognuno produca formazione di eccellenza ammirata nel mondo”

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments