tavolo_relatori

NAPOLI – È partita da Napoli SOC.C.&R. (Sociologia Calcio & Ragazzi), un progetto in collaborazione tra il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e l’A.S.D. Napoli Calcio Femminile & Maschile Carpisa Yamamay per attività di ricerca e formazione di nuovi profili professionali a supporto della crescita e della qualificazione delle attività sportive, con il patrocinio dell’assessorato allo sport e dell’assessorato ai giovani del Comune di Napoli.I dettagli del progetto, che da alcuni mesi vede già impegnati diversi neolaureati in sociologia con il club partenopeo, sono stati illustrati nel corso di un incontro che si è svolto ieri presso l’aula magna del Dipartimento di Scienze Sociali.

All’incontro sono intervenuti il presidente del Napoli Carpisa Yamamay, Lello Carlino, il direttore generale, Italo Palmieri, il direttore del Dipartimento di Scienze Sociali, Enrica Amaturo, i professori Luca Bifulco, Luciano Brancaccio e Francesco Pirone e l’assessore ai giovani del Comune di Napoli, Alessandra Clemente.”Creare nuove professionalità nel mondo del calcio è importante – ha spiegato Lello Carlino -. Ho sempre creduto nel mondo del calcio giovanile, femminile e maschile, che ritengo un ambiente pulito e genuino nel quale l’aspetto economico non ha un grande valore, ma comandano la passione e l’amore per lo sport. L’attaccamento alla maglia è un vero valore, a differenza del mondo professionistico, e l’esempio è la nostra Valeria Pirone, che gioca a Verona, con la squadra campione d’Italia, in Champions League, ma l’abbiamo dovuta convincere ad andare lì e vuole tornare per indossare ancora la nostra maglia”.”Le nuove figure dirigenziali che vogliamo andare a formare insieme al Dipartimento di Scienze Sociali sono un importante sbocco occupazionale per il futuro e vanno a colmare una lacuna della quale, negli anni, ci siamo resi conto sempre più frequentemente – ha aggiunto il dg, Italo Palmieri -. Siamo certi che questo lavoro, che è appena iniziato, nell’arco di un paio d’anni darà risultati molto importanti”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments