NAPOLI – Il cammino di Napoli Capitale Europea dello Sport 2026 comincia con l’azzurra Sofiia Yaremchuk (CS Esercito) che con 1h08’27” eguaglia il record italiano di mezza maratona. Napoli City Half Marathon detiene così i primati italiani maschile e femminile confermandosi come città dei record e la mezza maratona più veloce d’Italia. Il clima è stato quello dell’entusiasmo incontenibile sotto il cielo di Napoli che ha raccolto l’applauso di 6mila runner partiti da Viale Kennedy per tuffarsi sul percorso della Napoli City Half Marathon. 21,097 km di emozioni, di bellezza, di storia, di blu del Golfo con il Vesuvio sullo sfondo, cartolina di un weekend eccezionale dove la gara è stata il trait d’union per oltre 70 nazionalità.

CRONACA GARA (UOMINI) – Il gruppo di testa, costituito dai keniani Brian Kwemoi KiruiBernard Kipkurui BiwottMoses Koech e Charles Kamau WanjikuAntony Kimtai ed il britannico Emile Cairess, pilotato egregiamente dalla lepre Rop Gideon Kiprotich, da subito impartisce il ritmo di gara e fa segnare 5’45” al km 2 (2’53”/km) e 8’22” al km 3 (2’47”/km). Il passaggio al km 5 è di 13’59”, la media impostata è di 2’48”/km, in linea con la previsione di far segnare un nuovo primato maschile del percorso. Passaggio al km 10 in 27’57” ancora in linea con l’obiettivo (2’47”/km). Nel gruppo degli inseguitori, ad una manciata di secondi, il primo degli azzurri, Yassine Rachik che transita al km 10 in 30’05”. Rop, Kimtai, Biwott e Cairess si staccano e vanno a costituire il gruppo di testa che passa al km 13 in 37’01”, con un leggero ritardo sul ritmo. Passaggio di Rachik in 40’01”. Il gruppo di testa passa al km 15 in 42’05” rimettendosi in carreggiata con l’obiettivo primato. A circa tre km dal traguardo, Brian Kwemoi Kirui sferra l’attacco facendo letteralmente il vuoto e andando a vincere in 59’26” (2’49”/km), limando di 11” il suo primato personale, seguito dai connazionali Anthony Kimtai in 59’45”, che toglie 45” al suo miglior crono, e Bernard Kipkurui Biwott in 59’47”.

“Oggi è stata una gara difficile perché era da tanto tempo che non gareggiavo, fino al km 10 ero in linea con il mio personal best, poi al km 18 ho avuto un’esitazione ma ho voluto tagliare il traguardo, anche se lontano dalle mie prestazioni abituali. Percorso bellissimo e pubblico stupendo, peccato non aver avuto gambe. E’ una piccola vittoria dopo tante difficoltà, da qui riparte la mia carriera, grazie all’impegno di tutto lo staff ed al mio gruppo sportivo (Fiamme Oro Padova) a cui dedico questo risultato”, ha detto l’azzurro Yassine Rachik.

CRONACA GARA (DONNE) – Nel gruppo di testa le due keniane Angela Jemesunde Tanui e Nancy Chepleting Meli partono a spron battuto gomito a gomito, passando al km 6 in 18’44” (3’07”/km). Prima del giro di boa, Tanui sferra l’attacco e passa al km 10 in 31’28” (3’09”/km) guadagnando 16” sulla Chepleting che transita in 31’54”. Un po’ più staccata la prima delle azzurre Sofiia Yaremchuk che fa segnare il crono di 32’16” (3’14”/km) con un leggero vantaggio sul ritmo del suo primato personale ed in linea con il primato femminile italiano di specialità. Assolo strepitoso di Angela Tanui che taglia il traguardo in 1h07’04” (3’11”/km) limando il suo personal best di 12”. “La gara è stata semplice all’inizio ma poi c’è stato un po’ di vento che mi ha rallentata. Sono comunque soddisfatta, questo è il mio nuovo primato personale”, il commento della vincitrice. Secondo gradino del podio per l’azzurra Sofiia Yaremchuk (CS Esercito) che chiude in 1h08’27” (3’15”/km) siglando il nuovo primato femminile italiano. “E’ una bellissima emozione, Napoli è sempre nel mio cuore e mi porta fortuna. La gente è meravigliosa, il tifo del pubblico mi ha portata al traguardo con il record italiano”, ha detto Sofiia Yaremchuk. “La gara è andata molto bene, la preparazione che abbiamo fatto in Kenya ha dato i suoi frutti, è una prestazione che ci fa ben sperare per il futuro, quando voleremo a Parigi per la maratona. Oggi Sofiia ha acquisito una nuova consapevolezza”, il commento di Fabio Martelli, allenatore di Sofiia Yaremchuk.

Medaglia di bronzo per Nancy Chepleting Meli che cede sul finale e chiude in 1h10’03”. Per il podio italiano, piazza d’onore per Francesca Palomba (Caivano Runners) in 1h20’33” e terzo gradino di Federica Proietti (GS Lammari) in 1h22’05”.

Emozionatissimo, con gli occhi lucidi Carlo Capalbo, presidente della società organizzatrice Napoli Running: “Sono l’uomo più felice al mondo, 6mila persone qui alla nostra bellissima gara. Oggi abbiamo fatto l’en plein, eguagliato il primato maschile della gara, firmato il nuovo primato femminile italiano eleggendo Napoli come prima città che li detiene entrambi. In mezzo ci sono tantissimi personal best di rilievo, come quello dei vincitori, sia al maschile che al femminile e il crono finale dei vincitori di altissimo rispetto. Queste emozioni sono frutto di tanto lavoro, se torno indietro a sei anni fa, quando il running si fermava a Roma… Impegno, costanza, collaborazione, risorse e un pizzico di fortuna, oggi non sto più nella pelleVoglio ringraziare tutte le Istituzioni, i volontari, i miei collaboratori, i runner, il pubblico per la fiducia che hanno risposto partecipando a questa manifestazione, oggi tutti insieme abbiamo scritto un nuovo capitolo di storia di questo meraviglioso mondo della corsa su strada”, ha concluso.

L’ANIMA DELL’EVENTO – La grande festa di Napoli City Half Marathon è frutto del lavoro, oltre che del comitato organizzatore, di oltre 1000 volontari che con grande spirito partecipativo hanno collaborato per questo successo. Ad alleggerire la fatica sul percorso ci sono stati l’energia e l’entusiasmo del gruppo di percussioni afrobrasiliane PegaOnda mentre a garantire la sicurezza c’è stato il lavoro delle istituzioni locali, Questura di Napoli, Polizia Municipale, Esercito Italiano, Vigili del Fuoco, Uffici Tecnici. L’evento è stato trasmesso in diretta live streaming grazie a Pulse TV, official media partner di Napoli Running. È possibile rivedere la gara QUI.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments