NAPOLI– Una Rari Nantes troppo imprecisa con l’uomo in più si arrende 12-7 al Nuoto 2000 nell’anticipo della settima giornata del campionato di serie B. Ko pesante quello rimediato dai luciani, attesi ora da quattro confronti sulla carta proibitivi.A passare per primo in vantaggio è il Nuoto 2000 con Peluso, in superiorità numerica dopo 3’ di gioco.

Immediato, però, il pareggio della Rari Nantes con Truppa, che realizza in bello stile. Nuova superiorità e nuovo vantaggio dei padroni di casa, a segno con Addeo. L’arbitro Bonavita sale in cattedra espellendo Autiero e la prima frazione si chiude sul 4-1 per il Nuoto 2000, in gol in due occasioni in controfuga prima con Galasso, poi con Gulemì. In mezzo, un gol annullato misteriosamente a Giamundo.Il secondo tempo si apre proprio con una rete dalla lunga distanza di Giamundo, poi c’è spazio per una nuova ‘prodezza’ arbitrale: allo scadere dei 20 secondi in inferiorità rientrano dal pozzetto due giocatori del Nuoto 2000 anziché uno, ma Bonavita non se ne accorge. La traversa salva Vassallo sul rigore di Sciubba, l’imprecisione degli attaccanti rarinantini salva invece Torti nelle prime sei azioni dei biancocelesti con l’uomo in più. Sciubba in controfuga si fa perdonare l’errore precedente, ma a metà gara si arriva sul 5-3 grazie alla prima rete della Rari in superiorità, autore Severino.Nella terza frazione non si segna per oltre 5’. La squadra di Marsili prova a ridurre il gap, ma senza successo. È Galasso, invece, a riportare la formazione di casa a +3 con una gran conclusione a incrociare dalla distanza. Poco dopo Nina, con l’uomo in più, riaccende le speranze per la Rari, ma nell’azione successiva Ciardi firma il 7-4. Mancano pochi secondi alla conclusione del quarto, Truppa riesce comunque a trovare la rete del 7-5 con cui si entra nell’ultima parte di gara.Un rigore di Lucarelli apre l’ultimo tempo e ricaccia la Rari a -3, poi Bonavita non si accorge di una evidente brutalità – proprio sotto i suoi occhi – di Peluso ai danni di Acunzo, costretto addirittura ad uscire dalla vasca con un timpano rotto. Severino con l’uomo in più realizza il gol dell’8-6, ma subito dopo Scotti Galletta trova la prodezza del 9-6. A 3’ dal termine Ciardi buca Vassallo per il gol che chiude di fatto il match. Finisce 12-7, con Ciardi e Lucarelli ancora a segno per il Nuoto 2000 e Cantarelli a rendere meno pesante il passivo per la Rari.“Complimenti al Nuoto 2000, ha meritato la vittoria perché ha difeso ottimamente con l’uomo in meno”, sottolinea a fine gara Elios Marsili. “Noi abbiamo commesso troppi errori, dobbiamo rimboccarci le maniche per risalire la china. L’arbitraggio? Stasera non mi va neppure di commentarlo”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments