TORRE DEL GRECO – Torre del Greco si candidata ad entrare a far parte dei “Comuni amici delle tartarughe marine”. È il senso della delibera, approvata nel corso della seduta svoltasi ieri pomeriggio, lunedì 19 febbraio, dalla giunta guidata dal sindaco Luigi Mennella, su proposta dell’assessora al Benessere animale, Laura Vitiello.

La delibera nello specifico stabilisce gli atti di indirizzo legati alla sottoscrizione del protocollo denominato “Comuni amici delle tartarughe marine. Azioni di conservazione finalizzate alla tutela della specie Caretta caretta e alla salvaguardia degli habitat costieri” promosso da Legambiente nazionale. Tutto si inserisce, come si legge nell’atto licenziato dall’esecutivo torrese, “nell’ambito di un ambizioso progetto europeo denominato ‘Life Turtlenest’ che interessa la porzione mediterranea di Italia, Francia e Spagna per complessivi 8mila chilometri di costa” che “nasce dall’esigenza di tutelare adeguatamente le nuove aree di nidificazione della tartaruga marina che, a seguito dell’aumento delle temperature del mare determinato dai cambiamenti climatici, ha iniziato a deporre le proprie uova lungo le coste del Mediterraneo occidentale”.

Non è un caso che la scorsa estate anche una zona del litorale di Torre del Greco sia stata interessata da questo fenomeno. Per garantire dunque “a questa specie protetta a livello nazionale, europeo e internazionale adeguate misure di conservazione”, l’amministrazione ha deciso di sottoscrivere il protocollo e fregiarsi dunque del titolo di “Comune amico delle tartarughe marine”.

Gli obiettivi sono molteplici e riguardano tanti aspetti legati alla salvaguardia della natura: garantire il rispetto della normativa vigente a tutela del mare e degli ambienti costieri, come ad esempio il divieto di sosta e transito sulle spiagge dei mezzi a motore, l’accensione di fuochi o falò, l’abbandono di rifiuti; favorire la pulizia manuale delle spiagge; evitare gli interventi di sbancamento e spianamento delle dune che possano alterarne il contorno e minare l’integrità dell’ambiente costiero; scoraggiare l’abbandono dei rifiuti sulle spiagge mediante adeguato posizionamento di isole ecologiche; incentivare il coinvolgimento e la partecipazione civica dei cittadini organizzando giornate primaverili di pulizia del litorale.

“Il protocollo di intesa – afferma l’assessora Laura Vitiello – prevede una serie di azioni di conservazione finalizzate alla tutela della specie Caretta caretta e alla salvaguardia dell’habitat costiero. Questa iniziativa, nel dimostrare l’attenzione dell’amministrazione verso la tutela della biodiversità, prevede l’assunzione di una serie di impegni volti a rendere le nostre spiagge accoglienti non solo per i turisti ma anche per le tartarughe marine”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments