22.7 C
Napoli

L’Ischia espugna il “Piccirillo” di Santa Maria Capua Vetere

-

ISCHIA – Seconda vittoria consecutiva per l’Ischia che espugna il “Piccirillo” di Santa Maria Capua Vetere che proietta la squadra di Buonocore nelle parti nobili della classifica. Un successo che in terra sammaritana mancava da 24 anni (si giocava in Eccellenza). La prima occasione per passare in vantaggio è per i padroni di casa: D’Anna da buona posizione ciabatta la conclusione che viene respinta sulla linea dalla difesa isolana. Pronta la reazione dell’Ischia che si rende pericolosa dapprima con una conclusione di Arcamone che viene respinta e poi con Talamo (palla alta). Al 15’ l’Ischia passa in vantaggio: sugli sviluppi di un calcio d’angolo per il Gladiator, Vivace rilancia immediatamente per Arcamone che sulla destra serve Baldassi, il fantasista isolano supera un avversario e beffa Marone in uscita. I gialloblù non sono sazi e vanno alla ricerca del raddoppio. Al 18’ un tiro-cross di Maiorano sibila il palo della porta sammaritana. Al 25’, sugli sviluppi di una palla inattiva Quirino e Pastore non riescono a trovare la deviazione vincente con la palla che termina tra i guantoni di Marone. Alla mezz’ora, l’Ischia rimane in dieci: Talamo, già ammonito, commette un fallo a centrocampo, la signora Laraspata, severamente, estrae il secondo giallo. L’Ischia si risistema in campo con un 4-4-1, con il solo Baldassi come punta. Nonostante l’inferiorità numerica, sono sempre i gialloblù a rendersi pericolosi. Al 34’, da buona posizione Quirino di testa impegna Marone. Al 43’, ci prova Baldassi con una conclusione dai quaranta metri che per poco non sorprende l’estremo difensore nerazzurro. Sul tramonto della prima frazione, il Gladiator ha una ghiotta occasione con Castaldo che impegna Vivace. Ad inizio ripresa, il bomber ex Avellino trova la via del pareggio trafiggendo l’incolpevole Vivace. Al 60’, anche il Gladiator rimane in dieci con Di Lorenzo (già ammonito) che ingenuamente ostacola Florio mentre stava rimettendo in gioco la palla. Il campo pesante si fa sentire con le due squadre che si allungano. Al 73’ Florio viene atterrato in area di rigore, il fischietto barese indica il dischetto. Dagli undici metri, Baldassi è glaciale spiazzando Marone. I padroni di casa si riversano in avanti alla ricerca del nuovo pareggio. All’82’, i nerazzurri battono velocemente un corner, la palla arriva a Ceparano che impegna Vivace. Passano solo sessanta secondi e l’Ischia ha la ghiotta occasione di chiudere il match con Arcamone che da buona posizione sciupa tutto. Nei minuti finali, i sammaritani provano con lanci lunghi e su palle inattive. Al 92’ si accende una clamorosa mischia in area di rigore con la difesa isolana che spazza il pericolo. Ultima chance per i gialloblù con la conclusione di Patalano che termina alta. Nel prossimo turno, l’Ischia torna al “Mazzella”, ospitando il Trastevere.

GLADIATOR: Marone, Mansi, Staiano, Mancini (33’ st Cassata), Battistelli, Di Lorenzo, Garcia (20’ st Onesto), D’Anna (46’ st Sansone), Castaldo (33’ st Coratella), Marchetti, Pizzutelli (25’ st Ceparano). ( In panchina Bonagura, Finizio, Donnarumma, Sansone, Vottari). All. D’Angelo
ISCHIA CALCIO: Vivace, Florio, Ballirano (25’ st Patalano), Maiorano (25’ st Buono), Chiariello, Pastore, Giacomarro, Arcamone (45’ st Damiano), Talamo, Baldassi (45’ st Trofa), Quirino (45’ st Di Meglio). ( In panchina Musella, Trofa, Damiano, Scorza, Pinto, Bisogno, Di Meglio). All. Buonocore
ARBITRO: Laraspata (Bari). Assistenti: Canale (Palermo) e Barbanera (Palermo)
MARCATORI: nel p.t 15’ Baldassi (I), nel s.t 4’ Castaldo (G), 29’ rig. Baldassi (I).
NOTE: angoli 4-3. Ammoniti: Talamo (I), Di Lorenzo (G), Mansi (G), Pizzutelli (G), Baldassi (I), Marone (G). Espulsi: al 30’ pt. Talamo (I) per doppia ammonizione, al 15’ st Di Lorenzo (G) per doppia ammonizione. Durata: pt 47’, st 53’. Spettatori 500 circa di cui 170 ospiti.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x