NAPOLI – In via Serapide, nel quartiere Santa Lucia di Napoli, esiste un rudere, testimonianza di uno stabile che venne raso al suolo nel 1943 dagli anglo-americani durante uno degli oltre 200 bombardamenti aerei avvenuti in quell’annata. Ora però quello spazio è diventato una discarica a cielo aperto, a due passi proprio dall’edificio che ospita la Giunta regionale della Campania. È stata una residente a denunciare l’incresciosa situazione al deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli:
“Questo è lo stato di abbandono e di inciviltà riscontrato alle spalle della Regione Campania, in via   Serapide, dove continuano a lanciare sacchetti della spazzatura e addirittura stendibiancheria dai balconi.”

“L’inciviltà, il menefreghismo e l’indifferenza stanno affossando Napoli come se si trovasse nuovamente sotto i bombardamenti, solo che non esistono rifugi per questo tipo di ‘bombe’.  Bisogna costruirli, cambiando atteggiamento, stile di vita e soprattutto attaccando duramente chi inzozza e si comporta da troglodita, come chi lancia sacchetti dai balconi.
Abbiamo chiesto un intervento di bonifica per questo sito e chiesto alla Polizia Ambientale di intervenire.”-ha dichiarato Borrelli.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments