Accordi Regione-Cliniche Private e stipendi 118 nel mirino della Corte dei Conti (VIDEO)

    0

    NAPOLI – La Corte dei Conti della Campania ha stoppato l’accordo tra Regione Campania e strutture private per i posti letto Covid (un accordo da 30 milioni di euro da pagare anche se i posti non fossero stati occupati, risalente al marzo scorso), ed ha anche recuperato 18milioni di euro con trattenute sulle tranche pagate. E’ uno degli interventi descritti dal procuratore regionale, Maurizio Stanco, nel corso della conferenza on-line di presentazione dell’anno giudiziario 2021.
    Nell’ambito del controllo sui bilanci del Servizio Sanitario Nazionale, la Corte dei Conti della Campania, per quanto concerne l’Asl di Caserta, ha accertato che “i valori contabilizzati per i ‘crediti verso privati’ difettano di titolo e contribuiscono all’ingiustificato aumento dell’attivo patrimoniale, determinando uno squilibrio di almeno 12.660.087,49 di euro sulle scritture contabili esaminate”.
    Un altro esempio reso noto dal procuratore regionale della Corte dei Conti, Stanco, riguarda le attività svolte che hanno consentito di ridimensionare un danno erariale, riguarda la vicenda delle retribuzioni maggiorate ai medici del 118, sulla quale si è concentrata l’attenzione degli inquirenti e della Guardia di Finanza, lo scorso ottobre. Anche su questa vicenda, ha fatto sapere il procuratore, “è in corso istruttoria: siamo in attesa sviluppi. Ci sono state proteste, – ha concluso Stanco – le comprendiamo ma le norme vanno rispettate”.

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments